Quiche | Il Pranzo di Babette

Torta salata con broccoli e curcuma

April 1st, 2009

torta-salata

La ricetta di questa torta salata è nata durante il tempo necessario a scendere 5 piani di scale e fare 50 metri per entrare nel piccolo supermercato vicino a casa, sfornito quanto vuoi, ma che quando sono le 12.45 e in teoria il pranzo dovrebbe essere pronto, soprattutto perchè hai un ospite(!) ti può letteralmente salvare. Read the rest of this entry »

Quiche con asparagi e formaggio di capra

March 27th, 2008

Ed ecco il secondo finger food a base di asparagi di cui vi avevo anticipato in occasione degli scones. Con queste piccole quiche ho definitivamente adottato l’accostamento che abbina asparagi e formaggio di capra, davvero stuzzicante.
Queste quiche potete servirle durante un brunch come finger food, ma possono costituire anche un pasto veloce e gustoso accostate con un’ insalata .

Quiche con asparagi e formaggio di capra
per 6 piccole quiche

punte di asparagi 150 g
un rotolo di pasta sfoglia stesa (230 g)
crème fraiche 120 g
1 uovo + 1 tuorlo
formaggio di capra semistagionato a pezzettini 60 g
sale
pepe

Preriscaldate il forno a 180 gradi. Cuocete al vapore le punte di asparagi e fatele raffreddare. Ricavate dalla sfoglia 6 cerchi di pasta e posizionateli negli stampini da tartelletta foderati di carta da forno. Sbattete le uova e la crème fraiche, regolate di sale e pepe. Distribuite la crema negli stampi sopra la pasta, quindi ripartitevi uniformemente le punte di asparagi e il formaggio di capra. Infornate per 15-18 minuti, quindi fate raffreddare le quiche su una gratella.

Torta Pasqualina

April 7th, 2007



Come avevo annunciato nei commenti qualche giorno fa mi sono cimentata con la torta pasqualina. Questa e` la mia prima volta e devo dire che sono molto soddisfatta del risultato anche se le braccia sono piuttosto indolenzite: tirare dieci sfoglie di una pasta cosi` poco grassa non e` uno scherzo! Comunque mentre la guardavo nella sua fisicita` cosi` matronale pensavo che il nome Pasqulina non e` cosi` adeguato; secondo me questa e` piuttosto una Pasqualotta, non vi pare?! Senza offesa per carita`, ma questo suo essere cosi` alta e ripiena la rende proprio otta e non ina. La ricetta e` ligure e gustarla tra colline piene di ulivi l’ha resa ancora piu` buona a mio avviso; ma credo che replichero` senza la scusa della festa comandata. A proposito, Buona Pasqua a tutti quelli che passano di qui!

Per la pasta
farina 500 g
olio evo 2 cucchiai
sale un pizzico
acqua tiepida 200 ml circa

Mescolate tutti gli ingredienti e impastate energicamente. Quando la pasta e` soda ed elastica dividetela in 10 palline e ponetele sotto un canovaccio umido a riposare per 30-60 minuti.

Per il ripieno
cuori di carciofo 600 g
ricotta 300 g
Parmigiano Reggiano 80 g
uova 4
cipolla 1
maggiorana 15 g
sale
pepe

Lessate i carciofi. Fate un soffritto con la cipolla e unite i carciofi tagliati a fettine. Fateli insaporire per una decina di minuti, quindi lasciateli raffreddare.
Preriscaldate il forno a 180 gradi.
Tirate la pasta in 10 sfoglie sottili. E` una pasta molto soda e poco grassa quindi farete un po’ fatica; se l’avete a portata di mano vi consiglio di usare la nonna papera almeno per la fase iniziale di stesura. Io non l’avevo con me, ma per accellerare i tempi dopo aver tirato grossolanamente tre sfoglie le sovrapponevo separandole con la carta da forno e poi con il mattarello facevo il resto; si ottimizza un minimo il lavoro. Foderate con carta da forno una teglia rotonda di 20 cm di diametro, poi disponete 6 sfoglie sulla base, ungendole con olio man mano che le sovrapponete. Mescolate i carciofi ormai freddi con ricotta, Parmigiano e maggiorana tritata. Regolate di sale e pepe. Riempite la sfoglia con il ripieno e con un cucchiaio scavate 4 fossette. Riempite ciascuna fossetta con un uovo. Ricoprite con i 4 strati rimanenti ,chiudete bene i bordi e bucherellate la superficie. Cuocete per 50-60 minuti. Se la torta non fosse ben cotta sotto, continuate la cottura dopo avela messa a pancia in giu` per 15 minuti. Eventualmente per farla asciugare completamente lasciatela nel forno spento ma ancora caldo.



Quiche con funghi, speck e semi di papavero

January 15th, 2007



Questa è la torta salata che manca all’appello delle ricette del Menù del cenone di san Silvestro. È perfetta per questo tipo di occasioni e si può tranquillamente preparare il giorno prima, i sapori ne traggono giovamento. I semi di papavero si sposano a meraviglia con lo speck, lo sapevate?

pasta sfoglia un rotolo
funghi 300 g
speck a pezzetti 100 g
uova 4
panna 1 dl
groviera 50 g
burro 30 g
scalogno 1
semi di papavero 1 cucchiaio
sale
pepe

Tritate lo scalogno e fatelo appassire con il burro, unite i funghi e portateli a cottura. Regolate di sale e pepe e lasciateli raffreddare. Sbattete le uova con la panna e il groviera gratuggiato; unite lo speck e i funghi. Ponete la pasta sfoglia in uno stampo a cerniera, versate la farcia e spolverizzate con i semi di papavero. Cuocete per 45 minuti a 180 gradi.

Quiche con carciofi, vongole e bottarga.

December 6th, 2006



Cucinare con gli avanzi personalmente mi da molta soddisfazione; spesso invento nuove ricette che poi diventano dei piatti dotati di autonomia dagli avanzi in questione. Insomma delle ricette a tutti gli effetti. Questa nasce da un resto di carciofi, qualche vongola che era in esubero per il risotto e la bottarga per legare il tutto. L’ideale è che la prepariate il giorno prima in modo che si impregnino bene i sapori, il giorno dopo avrete un finger food ad arricchire la vostra cena!

carciofi bolliti 5
uova 3
panna 2 dl
ricotta 200 g
bottarga gratuggiata 20g + 20 g
vongole aperte con la loro acqua 100 g
pasta sfoglia un rotolo

Tagliate a fettine i carciofi e saltateli in poco olio. Sbattete le uova con 1,5 dl panna e 20 g di bottarga. Unite le vongole e la loro acqua filtrata. Unite i carciofi. Mescolate la ricotta con la panna. Foderate uno stampo a cerniera con la pasta sfoglia. Bucherellatela con i rebbi di una forchetta e versate il composto di carciofi. Livellatelo e ponete sulla superficie delle quenelle di ricotta e panna. Cuocete a 190 gradi in forno caldo per 40 minuti.
Lasciatela raffreddare quindi spolveratela con il resto della bottarga. Mangiatela l’indomani, i sapori saranno completamente in armonia l’uno con l’altro.

Quiche alle zucchine, salmone e scamorza

May 14th, 2006



Perfetto finger food per un brunch, questa quiche e´ velocissima da realizzare e molto colorata a vedersi. La delicatezza delle zucchine ben si combina con il sapore deciso del salmone e della scamorza.

Quiche alle zucchine, salmone e scamorza

zucchine 400 g
salmone affumicato 150 g
panna fresca 1 dl
scamorza affumicata 80 g
uova 2
un rotolo di pasta sfoglia
sale
pepe

Tagliate le zucchine a julienne e il salmone a striscioline. Mescolate la panna con le uova sbattute, sale , pepe e con 30 g di scamorza gratuggiata. Unite le zucchine al composto e parte del salmone, tenendo da parte qualche strisciolina per decorare. Adagiate la pasta sfoglia in una tortiera e farcitela con la crema di zucchine, quindi decorate con il salmone e la scamorza rimasti e cuocete a 200 gradi in forno già caldo per 25-30 minuti.

*Testata con successo su uno che sosteneva che sarebbe morto di fame piuttosto che mangiare delle zucchine.