Eventi | Il Pranzo di Babette

La giornata europea del gelato artigianale

April 8th, 2010

 

 

La giornata europea del gelato artigianale si è tenuta esattamente due settimane fa. Vorrei potervi introdurre maggiormente l’argomento ma non so molto a parte che questa era la seconda edizione, che l’iniziativa è partita da Bruxelles l’anno scorso e che per ogni nazione aderente, credo fossero una dozzina, è stata scelta una città in cui svolgere una manifestazione celebrativa. Read the rest of this entry »

99 colombe: le ferratellle alla ganache

April 6th, 2010

 

 

Chi bazzica il mondo dei foodblogger sarà sicuramente già a conoscenza di 99 colombe, un movimento nato dall’idea di alcune foodblogger che ha permesso ad una storica azienda abruzzese, quella delle Sorelle Nurzia, che era stata messa in ginocchio dal terremoto avvenuto esattamente un anno fa di cominciare a rialzarsi.
Io non conoscevo l’azienda e questa mi è parsa un’ottima occasione per testarne i prodotti. Ho scelto di assaggiare il miele, i cantuccini e le ferratelle. Ferratelle. Un nome che mi evoca l’immagine di una bambina bionda con i riccioli e un vestitino stampato liberty che vuole fare merenda solo con questi biscotti croccanti e aromatici e magari delle caramelle. “Solo tè, zucchero e cose belle: ferratelle e caramelle!” Read the rest of this entry »

Identita golose 2010

February 12th, 2010

Come promesso ecco il mio racconto di Identità Golose. Per ovvi motivi ho fatto una scelta e ho deciso di parlarvi in maniera più estesa di una minima parte dei relatori che hanno presenziato. Ho scelto Massimo Bottura, Salvatore Tassa, Luca Landi e Giancarlo Timballo e Moreno Cedroni perchè sono coloro che mi hanno emozionato, stupito, e divertito maggiormente. Read the rest of this entry »

Identità golose 2009

February 9th, 2009

Ho passato gli ultimi giorni a riordinare foto e impressioni di questa V edizione di Identità Golose, il congresso di cucina Italiana d’autore creato da Paolo Marchi. Tra i temi di quest’anno c’erano le verdure, il gelato, e lo zafferano, declinati da chef venuti da tutto il mondo e da tutta l’Italia naturalmente.
Per me è stato come vivere tre giorni in un parco a tema: ascoltare gli chef, lasciarsi sorprendere da tecniche e accostamenti inaspettati, assaggiare sapori nuovi, in alcuni casi dei veri prototipi del gusto, è stato istruttivo, intenso ma anche molto divertente.
Read the rest of this entry »

Cena blogger da Nicola Cavallaro

April 9th, 2008


Una settimana fa a quest’ora Maricler apparecchiava sotto i miei occhi attoniti una colazione epocale, troppo bella per non essere descritta: confetture aromatiche di Corrado Assenza, cremoso miele di girasole Thun, pane, burro Occelli, paste e una meravigliosa crostata con crema pasticcera e frutti di bosco, incorniciati da un ottimo tè verde aromatizzato con fragole e orchidea. Persino la sua timida gattina è stata attirata in cucina da questo effluvio di profumi.
Penserete che la sera prima avessimo digiunato, in realtà avevamo cenato insieme ad altri compagni food blogger da Nicola Cavallaro e io avevo poi trascorso la notte nella dimora di Maricler e Fabrizio.
Dell’organizzazione dell’evento si sono occupati interamente loro che tra l’altro hanno fatto dono a ciascuno dei presenti di due bottigliette di mirto e di liquore di fragole distillati in casa, dalla mamma di Fabrizio credo, e deliziosamente confezionate.
Siamo accolti da un aperitivo a base di finger food di gamberi crudi e ostriche, mentre il gruppo si compone: a me Maricler e Fabrizio si aggungono ben presto Stella e Tommaso, seguiti da Anna, Adina e Christian. Monica arriva con Alice mentre Massimo e Dania con Laura e Massimo.
Prima che i piatti e le materie prime incredibili di Nicola Cavallaro colpisce l’ospitalità e la passione che traspare in ogni suo discorso, come quando ci racconta dei tuffoli, che ci ha proposto come primo piatto quella sera, descrivendoli come la pasta migliore che abbia mai trattato, e ne illustra le qualità con una convizione coinvolgente. Peccato che serva una cucina professionale per prepararli come ci ricorda guardingo Massimo.

Ci sediamo e la cena inizia con un uovo in tempura accompagnato da asparagi, una tartina di pan brioche e una zuppetta verde brillante delicata e saporita al tempo stesso di cui non ci spieghiamo gli ingredienti. Più tardi Nicola, che ogni tanto fa un incursione al nostro tavolo, ci rivela che si tratta di bucce di piselli che hanno subito un qualche trattamento in un attrezzo miracoloso che risponde al nome di pacojet. Quando ci confida di averne passato uno alla madre, non possiamo non rivolgere un pensiero invidioso a questa donna così fortunata. Seguono i tuffoli alla gricia guanciale e fave con variante gluten free per Anna e una sostituzione per Alice, un fagotto di pasta phillo ripieno di spinaci e mozzarella.

Le porzioni sono abbondanti ma non ci facciamo intimorire. Si continua con una battuta di fassona piemontese con pomodori verdi impanati e fritti, composta di cipolle di Tropea e un pomodoro disidratato che sembra posto a guisa di sole che si staglia sul tramonto rosso. La carne l’ho trovata eccezionale, condita in maniera sobria, il che ne faceva risaltare tutto il sapore.
Il dessert era un sorprendente gelato al parmigiano reggiano immerso in una zuppa di fragole, e gocce di balsamico e miele, fresco, equilibrato con la nota sapida del gelato a distinguerlo.
Infine una vera coccola dei croccanti coni di pasta phillo ripieni di ricotta e uvette che non nascondo aver preso due volte.
Scandita da tali portate la cena non poteva che rivelarsi piacevole anche nelle conversazioni e non sono mancate le risate. Insomma credo che il desiderio di replicare sia condiviso da tutti, sempre che Nicola accolga nuovamente questo gruppo un po’ pazzo di foodie ;)

Nicola cavallaro al San Cristoforo
via Lodovico il Moro, 11
Milano
tel.02.89.12.60.60
www.nicolacavallaro.it