Cucina Libanese | Il Pranzo di Babette

Parigi: cucina libanese

September 7th, 2007


Ci sono dei ristoranti parigini che vengono frequentati nella speranza di incontrare attori e vip di vario livello, atteggiamento che mi fa alquanto sorridere, dato che non ho per niente il mito delle celebrità. Non e` certo il caso di Rimal, ristorante libanese del quale avevo letto bene e che un sabato di fine luglio ho deciso di provare. Mentre Leo ed io ci recavamo con la metro nel XIX arrondissement dove si trova il ristorante, mi sono resa conto che un passeggero aveva l’aria familiare. Mentre valutavo chi potesse essere ho visto qualcuno scattare foto con il cellulare, anche insistentemente, e allora qualcosa nella mia mente si e` delineato. Devo ammettere che solo dopo il suggerimento di un venditore ambulante mi sono resa conto che l’uomo dall’aspetto familiare era John Malkovich, che per inciso ha reagito in modo signorile all’insistenza di certi passeggeri, roba che io gli avrei buttato il cellulare dal finestrino, cosi` di foto non me ne fai più e basta. In ogni caso a quel punto era la fermata designata e siamo scesi. Il ristorante presenta uno stile po’ troppo anni ‘80 per i miei gusti, ma devo dire che l’accoglienza e` stata garbata. La scelta e` caduta su dei makanek, delle salsicce profumate di coriandolo e cumino e arricchite di pinoli interi e un moussaka, che come potete vedere dalla foto si differenzia abbastanza da quello greco.

Le piccole salsicce sono in effetti gradevolmente speziate e il moussaka lo ricordo fresco e ben equilibrato nei sapori. Abbiamo poi proseguito con degli spiedini di agnello , pollo e polpettine manzo tritato, accompagnati con della pizza libanese. Li ho trovati buoni, ma dopo tanta carne, morivo dalla voglia di mangiare della frutta, che era in carta e quindi ho presto ordinato. Terribile delusione: le fette di anguria, gli acini di uva, i litchi e tutto il resto erano ben presentati ma terribilmente acerbi, la piccola pesca tabacchiera era del tutto immangiabile. E quando l’ho fatto notare, il cameriere mi ha risposto che la pesca non era davvero da mangiare, piuttosto era meglio considerarla una decorazione. Ok, pero` un piatto pieno di decorazioni a 9 euro mi pare un po’ esagerato. In ogni modo mentre uscivamo ho notato con stupore che in un tavolo non tanto distante anche John Malkovich stava, per cosi` dire, alla frutta. Quindi ricapitolando consiglio il ristorante a chi vuole mangiare cucina libanese a Parigi perché, evitando il dessert, sono stata bene, e a chi ama incontrare attori&co, non sia mai che John ci ricapiti :)

Rimal (atelier)
94, boulevard Males Herbes
Paris

Insalata libanese di lenticchie e pomodori

August 1st, 2007

Questa insalata è da qualche tempo che mi riprometto di farla, poi o per un motivo o per l’altro mi è sempre sfuggita dalla mente. Recentemente mi sono ricordata che la volevo fare e ieri sera appena arrivata a Lipomo mi sono trovata tra le mani un pacchetto di lenticchie, negletto da mia madre almeno dalla scorsa Epifania dato che usa solo le lenticchie di Castelluccio. Di queste non sa letteralmente che farsene. Quindi ho pensato fosse proprio un segno del destino, questa è la volta buona, mi sono detta. In realtà sul più bello mi sono resa conto del fatto che la spezia necessaria per aromatizzare l’insalata, il carvi, non era a mia disposizione qui, ma era al sicuro a Parigi. Dopo il primo momento di seccatura ho consultato l’appunto che mi ero presa e ho scoperto una variante con il sumac. E così mi sono resa conto che dopo averci fatto queste capesante, avevo negletto a mia volta questa spezia, per altro gradevollissima. Forse dovrei ribatezzare questo piatto l’insalata degli ingredienti negletti.

lenticchie 200 g
olio extravergine di oliva 5 cucchiai
una piccola cipolla finemente affettata
450 g di pomodorini
2 cucchiaini di sumac
sale e pepe

Ponete le lenticchie in una ciotola piena di acqua fredda per un paio di ore. Scolatele e trasferitele in una pentola. Coprite con acqua bollente e portatele a cottura, circa 15-20 minuti dovrebbero essere sufficienti per everle morbide ma ancora al dente. Scolatele e tenetele da parte. Fate scaldare tre cucchiai di olio in una pentola. Dopo due minuti unite la cipolla e cuocete per 7-8 minuti, devono essere morbide e traslucide. Aggiungete i pomodorini tagliati a metà e le lenticchie. Fate saltare pochi minuti. Regolate di sale. In un altro padellino scaldate 2 cucchiai di olio per 45 secondi. Unite il sumac e scaldate per 30 secondi. Usate questo olio per condire le lenticchie. Servite.

English version
Lebanese salad with lentils and tomatoes

lentils 200 g
olive oil 5 Tbs
cherry tomatoes 500 g
1 small onion finely sliced
sumac 2 ts
salt

Soak the lentils in water for 2 hours. Drain and put them in a saucepan. Cover with boiling water. Return to boil and simmer for 15-20 minutes until they are soft but still firm. Drain well and set aside. Wash the cherry tomatoes and cut them in half. Heat 3 tbs of oil in a pan and add the sliced onion. Cook for 7-8 minutes until the onion is soft and traslucent. Add the tomatoes, the lentils, and sauté for a few minutes. In another pan heat 2 tbs of oil for 45 seconds then add the sumac and sauté for 30 seconds. Put the lentils and tomatoes salad in a bowl and season with the sautéd sumac.