Cocotte di zucca e uova

cocotte_zucca

Sono mesi e mesi che mi ripropongo di contribuire con una ricetta all’iniziativa Salutiamoci che desidera ispirare la creazione di ricette che tengano conto dell’influenza che gli alimenti hanno sulla nostra salute. Riporto testualmnete dal sito

“”La sfida consiste nel cucinare qualcosa di buono, bello e soprattutto sano, alla scoperta di nuovi ingredienti nel rispetto della loro stagionalità, approfondendo la conoscenza del rapporto tra cibo e salute, ed evitando soprattutto facili scorciatoie industriali o scelte che prediligano solo l’occhio o il palato senza tener conto della salubrità nel lungo termine.”

Consultando la tabella con gli alimenti permessi e consigliati unitamente all’ingrediente del mese si hanno delle linee guida per pensare a dei piatti sani e in linea con la stagione. Questa cocotte e` nata con un resto di zucca al vapore che avevo usato per gli sformatini di zucca, aromi freschi e secchi, immancabili nella mia cucina, e uova biologiche. Il risultato? Gustosissimo, molto buono e piuttosto sano ;)

cocotte zucca

Cocotte di zucca e uova

Per 2 cocotte

350 g di zucca cotta al vapore e frullata
2 uova biologiche
peperoncino
un limone biologico
10 foglie di salvia
50 ml di olio di oliva

Ponete l’olio in un padellino con gli aromi e fate scaldare a fuoco dolcissimo per 10 minuti per infondere i profumi. Filtrate e tenete da parte gli aromi eliminando il peperoncino eventualmente. Preriscaldate il forno a 180 gradi. Mescolate la purea di zucca con 4 cucchiai di acqua e l’olio aromatizzato quindi disponetela nelle due cocotte o nei piatti resistenti al calore del forno. Fate un incavo con il cucchiaio. Rompete il primo uovo in una ciotola e versatelo nell’incavo scartando un pochino dell’albume. Ripetete l’operazione con il secondo. Infornate per 20 minuti. Quando le uova sono cotte disponete le foglie di salvia e la buccia di limone sulla preparazione. Servite con del pane ai semi biologico tostato.

cocotte_zucca


Il blog che coordina la raccolta questo mese e` La via macrobiotica.

+15
  
Condividi:


26 commenti a “Cocotte di zucca e uova

  1. Mi piace moltissimo, anche perchè abbina due mie passioni, la zucca e le uova. Proverò sicuro. Una domanda: tu la zucca al vapore la cuoci nella vaporiera o come? Io non ho la vaporiera purtroppo.

  2. Ciao Francesca, ho una mini pentola vaporiera in effetti comprata nel XIII :) Pero` penso che puoi anche cuocere la tua zucca in padella con poca acqua e non aggiungerne poi nella preparazione come indico. Se provi la ricetta fammi sapere :)

  3. Non so se sia macrobiotica, ma io la zuppa di zucca la faccio sempre con la zucca butternut, condita con sale e pepe, infornata e poi cotta brevemente in tegame, coperta d’acqua, con scalogno, peperoncino rosso fresco, zenzero fresco, lenticchie rosse e carote, tutto rigorosamente proveniente dal bio di fiducia. Il primo novembre in campagna, con un reticolo di yogurt a simulare la ragnatela ha riscosso un successone tra grandi e piccini…. In qualche cena, invece, al posto dello yogurt, al centro della scodella si sono bene accomodati calamaretti spadellati con il finocchietto selvatico. Provare per credere.

    • Parisaddicted, grazie per aver condiviso queste ricette, spunti e immagini. Forse perche` sto leggendo “la luna e i falo` “ma mi immagino la campgna piemontese d’autunno e degli interni un po’ bretoni in una casa in cui si serve la zuppa di zucca fumante. Provero` sicuramente :)

      • La campaign a c’era e anche la vecchia casa in pietro di un vecchio borgo di case costruite alla fine dell’ottocento per le vacanze di una certa borghesia mercantile cittadina, priva di tenute nel contado. Incredibilmente, sembra di essere tra I monti attorno a st. Remy de Provence, e invece eravamo a 35 km da Cagliari e ad altrettanta distanza dalle spiagge di Villasimius. Curioso vero?

  4. Ma che belle le tue immagini!i colori!!Insomma io mi accomoderei volentieri alla tua tavola e queste uova mi hanno colpita perchè anch’io giorni fa avevo pensato ad una ricetta simile poi poco alla volta ho mangiato separatamente tutti gli ingredienti che mi occorrevano ed è andata così :-) a presto!!

  5. Pingback: Novembre: cosa mettere nel carrello?

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>