Bread and butter pudding

bread_butter_pudding

O di come trascorrere un paio di giorni in Uk ti faccia riscoprire un discreto interesse verso la cucina inglese. E nel caso di questo pudding mai ispirazione fu piu`immediata e salvifica. Ero infatti appena scesa da un eurostar ghiacciato Londra- Parigi e quello che avevo a disposizione per approntare un pasto per due era davvero poco: latte, un uovo e soprattutto il resto di una pagnotta alle patate e rosmarino che era servita da pre-dinner due giorni prima su un altro treno Londra-Cambridge*.
L’aspetto interessante della carenza di ingredienti e` che ho dovuto fare il pudding diminuendo drasticamente il numero di uova e di zucchero ** ed e` venuto ottimo. Se dovessi rifarlo penso che alternerei degli strati di mele a fette con quelli di pane e volendo sognare accompagnerei il tutto con una generosa cucchiaiata di crema pasticcera. Ma sono davvero ingiusta perche` anche la versione basic sul momento mi era parsa la cosa piu` buona di questo mondo.
Se doveste passare da Cambridge ho solo un suggerimento per voi: Bill’s. Potete farci colazione, pranzo o cena, il locale, piuttosto ampio, e` arredato con un gusto che coinvolge vintage, dettagli industriali e tocchi rustici, si mangia divinamente (tra le cose assaggiate il chowder e` al primo posto seguito dagli scones che ho divorato a colazione) e le persone che ci lavorano devono essere contente o pesantemente istruite perche` sorridono e ti trattano con calore e simpatia. Andando a Cambridge passerete per forza da Londra ed ecco quindi la versione aggiornata della mia raccolta di indirizzi londinesi.
😉

Bread and butter pudding
per 2 persone che mangino poco altro o per 4

100 g di pane raffermo tagliato a fette
30 g di uvette
un bicchierino di whisky
la buccia grattugiata di un limone
1/2 cucchiaino di cannella
250 gr di latte
40 g di zucchero
20 g di burro
un uovo
zucchero a velo

Imburrate leggermente un piatto adatto al forno. Ammollate le uvette in acqua calda per 10 minuti, quindi scolatele e tuffatele nel whisky. Fate scaldare il latte con il burro, lo zucchero, la cannella e la buccia di limone. Lasciate raffreddare quindi unite l’uovo, le uvette con il whisky e sbattete bene. Ponete le fette di pane nel piatto versate un mestolo di crema e proseguite cosi` fino alla conclusione degli ingredienti. Lasciate riposare per 20 minuti quindi cuocete in forno caldo a 180 gradi per 25 minuti. Servite con una spolverata di zucchero a velo e a piacere con della crema pasticcera.

* il pic nic improvvisato a base di pane e altre leccornie ( ci mancava solo la tovaglia a quadretti bianchi e rossi) acquistate presso il Sourced Market ha suscitato piu` di un’alzata di sopracciglio tra i numerosi pendolari 😉

** Ok la dispensa piangeva ma avevo piu` di 40 g di zucchero! E` solo che non amo i sapori eccessivamente dolci.

Condividi:


20 commenti a “Bread and butter pudding

  1. Uova latte zucchero e pane sono ingredienti antichi… e anche un po’ magici se si pensa a tutto quello che possono fare insieme… resta il fatto che ad un pudding io non avrei mai pesato, bella proposta!A presto Laura

  2. chiara, che bel viaggio m’hai fatto fare! la foto è troppo ‘giusta’, e poi bill’s, gli indirizzi di londra…che bello, non vedo l’ora di ritrovare il sapore delle sensazioni che mi hai dato mangiando questo pudding, me lo faccio per merenda, ssì si!

  3. Gustoso e leggero questo budino dell’ultimo secondo praparato con quello che c’è! E approvo l’aggiunta di mele e magari con un pò di rosmarino anche in assenza dell’apposita pagnotta da riciclo che avevi per questa volta.
    E che voglia di andare a Londra che mi hai fatto venire! Baci

  4. Interessante! Da brava English teacher adoro il bread and butter pudding. Però nella mia versione (presa da un libro) bisogna imburrare fetta per fetta.
    Comunque, fantastica idea quella di pubblicare una ricetta very British in occasione del diamond jubilee di Lizzy 2! 😉
    Monica

  5. Foto bellissima! Uno dei miei coinquilini lo faceva sempre e me ne teneva un po’ da parte perché sapeva quanto lo amavo. Ora posso provare a farlo da sola :)

  6. E’ la prima volta che commento, ma lo faccio per ringraziarti per il pdf con gli indirizzi a Londra. Abito in Inghilterra e finalmente la prima volta che capiterò a Londra non finirò a mangiare come al solito un panino da Pret, ma mi concederò qualcosa di meglio.

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *