Budino di tapioca all’acqua di rose

budino di tapioca

Inutile negare che ci sia stata una breve pausa da queste parti. Non ne sentivo un bisogno esplicito ma un guazzabuglio disordinato di viaggi, lavoro, assenza di internet unito alla voglia di leggere, nuotare e fotografare mi hanno distolta dal blog. E siamo arrivati a settembre. In compenso ora ho un sacco di racconti nel cassetto che affioreranno poco a poco rispecchiandosi in questo flusso disordinato che e` il mio blog.
La tapioca in versione dessert l’ho mangiata all’inizio dell’estate a cena da un’amica indiana. Portata a cottura nel latte di cocco e servita con delle banane leggermente arrostite, credo. Non ho un ricordo cosi` preciso perche` si era bevuto parecchio per festeggiare non so piu` cosa. Ma la consistenza, che definirei distintiva, mi aveva impressionato. Cosi` piacevolmente scivolosa e morbida. La volta successiva che sono andata al supermercato e ho visto la tapioca l’ho comprata senza pensarci due volte. E l’ho messa nella dispensa in attesa di ispirazione.
Poi il libro di Heidi Swanson Super natural every day ( un titolo meraviglioso) e` entrato in casa e ha trovato posto sullo scaffale dedicato ai volumi di cucina. E da li` viene con qualche modifica la ricetta di questi budini di tapioca, veramente deliziosi. Sono ottimi nature ma qualche lampone maturo o del melone accanto sono un’ottima idea per completare questo dessert leggero e non troppo dolce.

Budino di tapioca all’acqua di rose

70 g di tapioca istantanea
710 ml di latte
1 tuorlo
1 foglio di gelatina
80 g di miele
1/2 cucchiaino di acqua di rose
la buccia di un piccolo limone bio grattugiata

Ponete la tapioca istantanea, il latte, il miele e il tuorlo in una pentola. Mettete a bagno il foglio di gelatina. Attendete 5 minuti quindi trasferite la pentola sul gas e cuocendo a fuoco medio senza smettere di mescolare con una frusta osservate la tapioca che da bianca diventera` trasparente. Nel mio caso ci sono voluti 7-8 minuti. Il composto tende anche a virare al giallino perche` il tuorlo arriva a cottura. Quando la tapioca e` cotta unite gli aromi e il foglio di gelatina e mescolate attentamente. Ripartite il budino in 4 contenitori medi o 6-7 piccoli. Io l’ho messo in frigorifero fino al momento di servire, ma si puo` gustare anche tiepido.

budino di tapioca

Condividi:


23 commenti a “Budino di tapioca all’acqua di rose

  1. eheh, non ci credo… oggi ho pubblicato anche io una ricetta proprio da quel libro – che amo alla follia – e ho comprato la tapioca per fare proprio questa ricetta!
    che bellini questi bicchierini…
    e che peccato per quest’estate, che strulla che sono… :*

  2. Chiara stavo per scriverti quando mi sono accorta che c’era un tuo nuovo post! Che belle foto, un verde che ricorda proprio le foglie alla fine dell’estate e il budino… mi sembra di averlo già mangiato per come lo descrivi bene. Aspetto le tue ricette e i tuoi racconti, un abbraccio! :))

  3. Sappilo: la prossima volta che torni da Parigi, ti chiedo la tapioca istantanea. Se penso a quanto devo stare lì a rimestare la tapioca normale mi prende male. Bentornata!

  4. Settembre è un mese dolce, che porta in sé i ricordi non sopiti dell’estate. La freschezza del verde può volgere ancora al rosa, coccolando i sensi prima che la stagione cambi forma.

  5. che bello, sei tornata! Iniziava a mancarmi troppo la tua presenza :) Anche io, seppur sprovvista di quel libro che vorrei tanto, avevo addocchiato questi budini: e ora li faccio, sissì!

  6. ecco come potrò usare la tapioca che trovo sempre sullo scaffale del super e non mi decido mai di comprare. Solo penso che proverò a togliere il tuorlo d’uovo, che dici? Un bacio!

  7. Juls
    Ma che peccato davvero! Mi e` spiaciuto tantissimo. Il libro piace molto anche a me. Alcune ricette sono veramente ispiranti :)

    Valentina
    Che cara! Tutto bene, solo che appunto rimettersi in carreggiata, com dice mia madre, a volte e` dura. O almeno bisogna aspettare la vera ispirazione. Se lo riassaggi ti rendi conto se l’avevi mangiato o meno 😉

    maricler
    ma io ti chiedo quello in perle allora! Heidi dici di usare quella. Faremo scambio 😉

    llaura
    tempo di provare. Non ti garantisco per il contest ma vengo a vederlo!

    Lilium
    Ben ritrovata alla mia autrice di haiku e frasi suggestive personale! Grazie per i tuoi commenti unici di cui gusto ogni sfumatura :)

    Simona
    non me ne intendo di alimentazione per bambini piccoli ma questa tapioca e` veramente super coccolosa, ingredineti permettendo credo che un bambino goloso e curioso amerebbe :)
    Twostella
    Grazie :)

    Francie vale
    Libro consigliatissimo, vale la pena trovare posto in casa

    Kitchen qb
    Chiare` e` bellissimo 😀 Io Heidi sul blog non la seguivo molto ma adesso recuperero’

    Cinzia
    confermo. La prossima volta ci metto l’acqua di fiori di arancio

    Claudia-Annie
    Ottimo a colazione, merenda e dessert dopo cena

    Chiarina-ina
    Che bel nickname! Solo adattata la ricetta e` di Heidi 😉

    Roberta
    grazie :*

    Alessia
    Auspicabilmente presto su questi schermi 😉

    Pips
    Grazie! Beh allora non aspettare di piu`, sono ottimi :)

    Francesca
    Io ho ridotto i tuorli a 1 invece che 2 e ho messo un foglio di gelatina. Se vuoi eliminarlo del tutto metti un altro foglio secondo me.

  8. impazza la mania di Super Natural Every Day. Io lo adoro…ho già provato qualche ricetta, tipo i millet muffins e le altre della colazione e sono diventate ospiti fisse della mia cucina. Questa ricetta è nella mia to-do-list. Bella l’interpretazione nella foto!

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *