Bruschetta con Comté, pesca e rapanelli alla lavanda

bruschetta con pesca, rapanelli, comte` e lavanda

Quando Edda mi ha segnalato che il suo blog e` partner di Elle à table in un concorso di ricette a base di Comté mi sono detta che dovevo partecipare. La richiesta era di immaginare una ricetta fresca ed estiva che vedesse protagonista questo formaggio francese che personalmente ho “scoperto” solo pochi mesi fa. Poi tra spostamenti, festeggiamenti e altri impegni mi sono trovata a poche ore dalla scadenza del Challenge Comté senza ricetta. Era la mia ultimissima chance: ho fatto un giro nel mercato sperando che l’ispirazione mi cogliesse.
E l’ispirazione si e` manifestata sotto forma dell’ultima bella pesca (!) e di un mazzetto di rapanelli. Dopo qualche test per aggiustare l’equilibrio dei sapori e` nata questa bruschetta fresca, estiva e floreale che pur nella sua semplicita` ha attirato l’attenzione di Edda e del formaggiaio Frédéric Royer. La ricetta ora e` alla seconda fase di votazioni in mezzo ad un parterre di ricette stupende. Se dopo aver visto le ricette concorrenti la mia continua a sembrarvi degna di nota potete votarla qui.
😉

Bruschetta con Comté, pesca e rapanelli alla lavanda
per 4 bruschettine

una grossa pesca
8 rapanelli
70 g di Comté
1 rametto di lavanda
4 fette di pane alle uvette
1 cucchiaio di olio
pepe nero
Sale rosa l’Himalaya

Lavate la pesca e i rapanelli e scolateli. Sbucciate la pesca e tagliatela in pezzettini. Tagliate anche il Comté a pezzettini. Affettate i rapanelli e tritate la lavanda. Mescolate tutti gli ingredienti con l’olio e un pizzico di sale e pepe. Ripartite il tutto su 4 fette di pane alle uvette leggermente tostate e servite.

Condividi:


22 commenti a “Bruschetta con Comté, pesca e rapanelli alla lavanda

  1. Da provare appena trovo delle pesche profumate! Ma siccome non sono a Parigi :-(, mi potresti dire con quale formaggio italiano potrei sostituirlo?
    Intanto ho votato per te! Buona giornata.

  2. Annies
    grazie :) Se il clima continua cosi` faremo solo pic nic prossimamente mi sa 😉

    Chiara
    Grazie! Uh, a naso cosi` direi un asiago un po’ stagionato, ma non garantisco perche` dovrei fare una prova. Se provi tu pero` fammi sapere :)

  3. Ciao Kja, ti ho mandato una e-mail qualche giorno fa. Volevo sapere se l’hai letta! Fammi sapere… e buon lunedì.

    PS: anche io oggi ho pranzato con una mega bruschettona, ma in stile classico: pomodorino, origano e robiola. Questa tua versione è veramente deliziosa e particolare.

  4. Il comtè non lo conosco, ma varrà la pena cercarlo perchè queste bruschette sono da urlo!
    Qui a Milano Princi fa il miglior pane all’uvetta che io abbia mai mangiato, l’abbinamento ravanelli e pesca lo voglio provare ad ogni costo… Non mi resta che frugare nello scaffale dei formaggi francesi all’Auchan incrociando le dita!
    P.S. foto stratosferica, bastava quella per assicurarti il mio voto 😉

  5. Indubbiamente interessante nel sapore e bella da presentare in tavola. Il formaggio non lo conosco…de vo vedere se lo trovo e provarlo.
    Buona settimana.

  6. Questa bruschetta è molto raffinata, ci credo che abbia accolto così tanti favori! Ammetto che non sono un amante dei formaggi ma l’accostamento con i ravanelli e la pesca mi sembra che sia davvero equilibrato e interessante
    Complimenti, corro subito a votarti
    Un abbraccio
    fra

  7. Hmmmm……volerò a Londra (un pezzo della mia vita), dritta da Princi per il pane all’uvetta, con profumatissime pesche in valigia, e ti penserò mentre la degusterò in Regent’s Park………………. moriranno d’invidia, o di acquolina :) grazie come sempre! Ed ora…a votare!

  8. Ciao! intanto sinceri complimenti per il sito, passo spesso da qui per sbirciare ricette e quello che pubblichi, ma solamente ieri sera ne ho provato una “zucca al forno con radicchio rosso” buonissima!!! adoro la zucca e in questo modo non l’avevo mai provata. Ero prevenuta sulla modalita’ di cottura ma mi devo ricredere!!.
    Ancora complimenti e spero di avere tempo per provare qualche altra tua ricetta.
    Bye bye!

  9. Kja, ho avuto la fortuna di incontrare il tuo blog per caso mentre navigavo da Sydney dover risiedo da piu’ di tre anni. In questo periodo un po’ cosi’ ho trovato le tue ricette e le tue foto cosi’ come vorrei che fosse la vita: eleganti con colori preziosi accompagnati dal’allegria dell’infazia. Grazie!
    Paola

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *