Gari

In questi giorni mi sto dedicando ad ultimare i menu` per le varie occasioni di festeggiamenti e a realizzare dei regalini homemade. Dopo la fase dei biscotti sono in quella delle conserve. E il gari e` in cima alla mia lista. Magari il nome non vi dice nulla, eppure sono certa che il gari l’avete gia` mangiato, soprattutto se amate il sushi 😉
Sotto a questo nome infatti si cela lo zenzero sotto aceto che si usa per rinfrescare il palato tra un boccone e l’altro di pesce crudo. Peccato relegarlo solo a quel ruolo: trovo che il gari sia delizioso per aromatizzare verdure, pesce e carne bianca e l’aceto rimasto nel vasetto si può usare per creare delle vinaigrette aromatiche.
Se siete alla ricerca di altri regali mangerecci che prevedano poco o zero cottura perche` magari state gia` facendo il brodo di carne, il ragu` e altre cosine che vi tengono vicino ai fornelli a lungo vi ricordo i limoni sotto sale e sul lato dolci i tartufi al cardamomo, speziati e aromatici, quelli alla rosa per chi ama i sapori floreali, quelli al dulce de leche per i fan della crema argentina, e ancora i classici al te` nero earl grey.

Per un vasetto da 350 g

200 g di zenzero fresco
160 ml di aceto di mele o di riso
80 g di zucchero di canna

Sbucciate le radici di zenzero, lavatele sotto l’acqua corrente e tamponatele con della carta da cucina. Ricavatene 150 g. Affettatele sottilmente con una mandolina, oppure tagliatele con un coltello affilato a fettine spesse 5 mm e poi a listarelle. Ponetele 5 minuti in abbondante acqua bollente. Scolatele bene e trasferitele in un vaso da 350 g di capienza precedentemente sterilizzato. Mescolate l’ aceto di riso o di mele e lo zucchero di canna e portate il liquido a bollore. Versatelo sullo zenzero. Lasciate raffreddare il vasetto coperto solo da una garza sterile, quando è a temperatura ambiente chiudete il vaso e conservatelo in frigorifero. Dopo 3 giorni lo zenzero è pronto al consumo e si conserva fino ad un mese sempre in frigorifero.

Condividi:


11 commenti a “Gari

  1. Non l’ho mai assaggiato, ma che curiosità adesso…
    Se non mi avessi detto che era zenzero non ci sarei mai arrivata!
    Adoro le tue proposte. Sono tutte incredibilmente originali.
    Buona giornata!

  2. proprio ieri sera mangiandomi uno .. ehm due .. ehm .. tre piattoni di sushi commentavo con la mia migliore amica quanto sia buono il ginger fatto così! ed eccolo qua!
    grazie anche per il link ai tartufi al dulce de leche, m’erano sfuggiti e invece li farò!

  3. Araba felice
    Pensa che invece io la prima volta l’ho fatto con intento di regalo
    Auguri anche a te!

    Symposion
    anche io ho scoperto il nome dopo ch elo avevo assaggiato. ma aha un nome che non mi apsettavo. Cosi` breve e secco in qualche modo.

    a pranzo con bea
    sei ancora in tempo a prepararne qualche vasetto :)

    Carolina
    ma tu sie troppo carina con me ;)comumque e` vero che in foto sembra + un frittatina a julienne :DD

    Your noise
    ma si prepara in un attimo, lasciati tentare!

    Francesca Q
    grazieeee 😉

    gaia
    Se le piace il sush puoi regalarle un vasetto e la ricetta allegata, cosi` poi lo prepara da se` 😉
    Juls
    Mi piacciono le porzioni di sushi come le tue, 3 piatti con i pezzi belli grossi mi rendono felice in genere :)

    Unazebrapois
    Non c’e` di che :)

    Romy
    grazie, tanti auguri di Natale anche a te

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *