Un regalo

Ogni tanto vi ho parlato di mia nonna Irma. E` una donna dolcissima e sensibile con un’energia incredibile. I suoi mesi di elezione sono la primavera e l’estate perche` puo` occuparsi dei suoi adorati fiori e stare in giardino tutto il giorno. Durante l’inverno si dedica al cucito, una passione giovanile che le circostanze della vita non hanno permesso che diventasse una professione. Ma la passione e l’abilita` sono intatte, anche se ha ormai 91 anni. Poco tempo fa ha recuperato due vecchie tovaglie e ne ha ricavato delle presine. Entrambe le tovaglie risvegliano dei ricordi in me. La tovaglia con le fragoline era rotonda e si usava in giardino, per coprire un tavolino bianco e forse una volta per una cena sul balconcino. Richiama la luce delle serate estive e il profumo delle grigliate all’aperto. Quella con le rose la usava mia nonna per coprire il tavolo della cucina. Quando, all’epoca delle scuole elementari, rientravo da scuola lei preparava il pranzo a me e mio fratello. Ricordo quella tovaglia sullo sfondo di uno spezzatino fumante con le patate in puccia che era uno dei miei piatti preferiti. E il calore del camino sempre acceso. Ora queste vecchie tovaglie hanno trovato nuova vita diventando appunto delle presine, per me molto preziose. Io ne vorrei regalare una a qualcuno di voi.
Quindi se volete provare ad avere una rarissima presina costituita di tessuti vintage (entrambe le tovaglie avevavo piu` di 20 anni) e realizzata da una promettente e misconosciuta designer di 91 anni lasciate un commento, poi estrarro` a sorte.
Ah, avete tempo fino a giovedi sera circa 😉

Condividi:


44 commenti a “Un regalo

  1. Ma che carineee, io partecipo volentieri!!
    La storia di tua nonna è dolcissima ed il rosa è il mio colore preferito!!
    Spero di essere sorteggiata! ;D

  2. Che bello…. partecipo volentieri a questo giveawy dei ricordi :) [e poi la “misconosciuta designer di 91 anni” m’ha fatto morire!]
    Passo spesso dal tuo bel blog, e negli ultimi tempi – adoro la tua fase biscottosa! – ancora di più: Natale si avvicina e io ho una confezione di bacche di cardamomo sul cui uso mi stavo arrovellando da un po’… Trovato! Le nuvole al cardamomo mi sembrano perfette… ti farò sapere! Francesca

  3. non mi candido per le presine, anche perchè pur seguendo il blog non commento mai e non ci conosciamo, ma avendo una nonna di 98 anni un po’ come la tua, che mi veniva a prendere all’asilo e cucinava per me (la crema fritta! mmmm!!!) e che fino a un paio di anni fa lo faceva ancora, volevo dirti che è un bellissimo post, da dedicare a tutte le nonne che ci hanno cresciute e iniziate alla cucina!
    un abbraccio e Buon Natale :)

  4. Che bell’idea! Le tovaglie dell’infanzia portatrici di ricordi che si trasformano in presine, e che volano verso altre dimore e futuri ricordi. Tutta questa condivisione-creatività-vintage fa molto natale :-)

  5. Wow, entrambe le presine sono favolose e meravigliose i miei complimenti a tua nonna sono stupende … tantissimi auguri!!! Che bello questo post anche io ho 2 nonne che spesso e volentieri mi fanno regali cosi speciali per me… che bella cosa!!! :)

  6. quale occasione migliore per lasciarti il mio primo commento di questa tua idea dolcissima? Un regalo molto sentito e che sarà apprezzato da chi riceve e immagino anche dalla tua nonna evergreen! E sono certa che queste presine saranno sempre una miniera di ricordi, per te. Io le nonne non le ho più da tanto tempo ma ho piccole cose appartenute a loro o fatte da loro, che per me sono preziose come gioielli. Merci,

  7. Con un pizzico di invidia per la splendida nonna “designer” e con l’augurio che questo sia da esempio…ci insegni che non dobbiamo mai dare nulla per terminato o scontato, ci faccia ricordare che occorre trovare sempre un posto nuovo per le cose e le persone e le frasi, ci faccia sentire sempre in gioco per sentirci sempre vivi.
    Un po’ come per le tovagliette che forse ora languirebbero in qualche cassetto ed invece sono diventate un compagno prezioso, utile e ricco di calore.
    SMILE
    Lucy64

  8. Allora, qualche rettifica:

    – non vedo da nessuna parte la parola ‘burina’ che quando si parla di ‘nonna irma’ dovrebbe essere obbligatoria per legge.

    – io ricordo che le patate in puccia comparivano due volte l’anno mentre i maccheroni cotti-e-stracotti al punto da collassare su loro stessi erano il piatto forte della casa(conditi con sugo zuccherato tra l’altro).

    – io mi merito almeno una presina perche’ sono l’unico di tutto l’albero genealogico irmese che non ha ancora attinto alla produzione.

    Mu.

    PS: ricordo che le due tovaglie si prestavano moltissimo alle ‘padellate’ di pomodoro, occhio a usarle 😀

  9. Sono contenta che la presina vi piaccia!
    E anche chi non ha commentato non sia timido, mi fa piacere se mia nonna vi fa uscire allo scoperto :)

  10. E come si fa a non partecipare?!
    Io vado sempre controcorrente e adoro i promettenti e misconosciuti designer. Se poi, questi, hanno più di 91 anni mi risvegliano una tenerezza infinita… 😀
    Io ci sono! Eccomi!

  11. anche la mia nonna faceva le presine, all’uncinetto però! e le ho ancora sono un caro ricordo. sei fortunata ad avere una nonna così speciale!!!
    ps è ovvio che ci sono anche io??? sono temeraria e mi piace correre il rischio di trovare delle *padelle* di pomodoro!! ;P

  12. Ma che bello!!! E io ero passata per domandarti se per i biscottini al ciocclolato la creme fraiche è sostituibile con della normale panna…e invece guarda che novità carina!
    Incredibile come i ricordi si asocino spesso a cose piccole piccole… Un oggetto a volte richiama un intero mondo!
    E poi tua nonna mi sta troppo simpatica dalla storia dello scoiattolo…;-)

  13. Che carina!! Anche mia nonna in alcuni ritagli di tempo con ago e filo si dedica a recuperare vecchie tele e tessuti e a farle diventare tovaglie e presine. Sono arti antiche da conservare e tramandare

  14. Avrei commentato comunque 😉 Mi emozionano queste presine, non solo sono belle, femminili ma i tuoi ricordi legati ai tessuti ce li ho anch’io. Che strana la fantasia dei bambini..

  15. Partecipo!Queste stoffe hanno dei colori e dei motivi davvero deliziosi, perfette per l’ora del the epr servire in tavola una teiera bollente :-) Daniela

  16. Anch’io non commento solo per partecipare ma solo per fare tanti complimenti alla nonna e che mi piace il tuo bellissimo post!

  17. Che belle queste presine!! Partecipo volentieri, anzi proprio oggi volevo scriverti due righe di ringraziamento per la ricetta della pasta sablée: ho cucinato tanti biscottini natalizi per una cioccolata insieme alle mie amiche e hanno avuto un enorme successo! 😉
    Complimenti alla nonna, per la passione, e alla nipote per le ricette stupende :)

  18. Penso siano delle presine preziose per i ricordi che suscitano, e poi la nonna è sempre la nonna!!
    Un abbraccio a te ed alla tua nonna.

  19. Abbiamo in comune delle nonne mitiche, pure la mia “sforna” questi oggetti preziosi…oltre ad ottimi piatti ;).
    partecipo perché questi è un dono bellissimo!
    Complimenti alla “designer”!!
    Ciao . Annalisa

  20. Chiara
    sei molto generosa. Regalare ricordi non è da tutti.. Le presine sono adorabili, apparte per i colori e l’incredibile precisone delle cuciture, soprattutto per l’amore con cui sono state fatte.
    Un grazie a te e uno alla tua designer preferita!

  21. Ciao, leggo spesso il tuo blog e altre tue pubblicazioni che ho imparato a riconoscere ma penso sia il mio secondo commento…
    Non potevo non provare a partecipare, i ricordi con le nonne sono indelebili e forse i migliori. Sono cresciuta con i maglioni fatti a maglia e l’eredità di fare la pasta fresca da parte di una delle due e il profumo di interi pomeriggi a correre per la cascina con l’altra!
    Grazie per aver risvegliato questi sentimenti, Silvia.

  22. ciao chiara,
    che oggettini adorabili hai proposto!
    sai che anche io ha una nonna di 91 anni?
    che mi ha praticamente cresciuta perchè mia mamma lavorava… le sono molto legata, purtroppo però ora non sta bene…
    spero di essere estratta…
    baci baci

  23. Cia Kja!
    Che dire, sarebbe bellissimo averne una e immaginare la tua nonna ogni volta che mi capita sotto gli occhi una di quelle rarissime presine,non credo però che oserei usarla!
    Da quendo mia nonna ricevette la notizia della mia nascita ha iniziato a cucire e ricamare tovaglie, lenzuola, asciugamani e strofinacci; poi fece lo stesso per mia sorella e mio fratello, le mie cugine e mio cugino. Passò qualche anno ricamando ben sei, elaboratissime, tovaglia: tutte uguali, una per ogniuno di noi e nel frattempo si dava da fare per adattare e rimodernare i vestiti vintage che tiravo fuori dalla sua soffitta :-)

  24. sì, la nonna fa uscire allo scoperto anche me!
    la mia ha 88 anni e la domenica ci accoglie ancora tutti a pranzo con tortellini (rigorosamente fatti a mano da lei con qualche aiuto di mia madre…ma la nonna sovrintende! nessuno li fa piccoli come lei….) e il bollito con la pearà (che forse solo i veronesi doc conoscono). il suo sugo al pomodoro è impareggiabile (nonna, mi faresti il tuo sugo che me lo porto a casa??), ma adoro quando si fa tentare dagli esperimenti culinari che io le suggerisco: avere 88 anni e non smettere di sperimentare….unica….

  25. Complimenti davvero a questa Super Nonna!
    …davvero favoloseeee! i colori poi…divini! semplicissime…colorate e…piene di ricordi!!!
    le nonne sanno davvero sorprendere ed hanno sempre qualcosa da insegnare!
    un abbraccio affettuoso alla tua nonna!

  26. che meraviglia.. se non avessimo le nostre nonne a cullarci nei ricordi non sarebbe davvero la stessa cosa!

  27. Gironzolavo nela rete e mi sono imbattuta in questo tuo post. Che buffo: anche la mia nonna si chiamava Irma!
    Se fosse ancora qui avrebbe già compiuto 96 anni e anche lei assemblava per me tovaglie con vecchi strofinacci, faceva coperte all’uncinetto con lane avanzate… insomma uno spirito del riciclo che oggi è mooolto fashion…!

  28. Anche se ero sicura che avrebbe vinto una Silvia o una Francesca visto che eravate in tante a chiamarvi cosi` alla fine e` stata estratta Annalisa di dolce&amara.

    Annalisa: aspetto il tuo indirizzo via mail :)

  29. Wow sono felicissima!!! E’ la prima volta che vinco qualcosa e non poteva esserci premio più gradito:).
    Grazie Chiara!!
    Un abbraccio. Annalisa

  30. Non c’è che dire, il tuo raffinato gusto nella scelta delle proposte gastronomiche si riflette in ogni altra cosa presente su questo blog.
    Ti ho già fatto i complimenti più di 100 volte?

  31. Anche mia nonna ha le mani d’oro… coi ferri ed una grande fantasia crea coperte, maglioni, presine! Magari ne vinco una delle tue da accostare alle sue! :)

  32. Eccomi partecipo anch’io!!!
    bellissima la storia della nonna, e bello anche il giveway!!!
    incrocio le dita per il sorteggio ;))

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *