Torta di mandarini all’olio

Se questa tortina fosse una persona avrebbe tre passaporti: brasiliano, francese e italiano. Brasiliano per due motivi, innanzitutto la presenza della cachaça, l’acquavite di canna da zucchero protagonista della caipirinha, il mio cocktail preferito; e poi per la forma, l’ho infatti cotta in uno stanpo che avevo comprato in Brasile e che lì si usa principalmente per delle torte di mais, o bolo de milho verde che in compenso non ho mai fatto.
Ma questa tortina avrebbe diritto anche ad un passaporto francese perchè per fare il suo impasto mi sono ispirata a quello della génoise e poi è nata su suolo parigino, non dimetichiamolo. E per finire avrebbe quello italiano perchè c’è l’olio di oliva, caratteristica che, scopro or ora le permette anche di partecipare al concorso che vede in competizione ricette in cui l’olio di oliva è protagonista nelle ricette dolci.
Insomma se lavorassi nell’ufficio dedicato avremmo tutti almeno un doppio passaporto
:)

NB io ho fatto una tortina piccola piccola, quindi nel caso raddoppiate le dosi. Credo a quel punto i tempi di cottura si allunghino ma non troppo, soprattutto se usate uno stampo basso.

Torta di mandarini all’olio
(dosi per uno stampo da 6 dl di capacita`)

la scorza grattugiata di un mandarino bio
mandarini senza semi sbucciati, tagliati a spicchi e privati della pellicina bianca 200 g
cachaça 1 cucchiaio (sostituibile con un alcolico a vostra scelta)
zucchero 30 +60 g
farina 70 g
lievito un cucchiaino
olio di oliva dal sapore delicato 50 g
uovo 1
zucchero a velo

Scaldate il forno a 170 gradi. Ungete lo stampo con l’olio e infarinatelo. Ponete la scorza di mandarino nell’olio. Cuocete per 3-4 minuti gli spicchi di mandarino in padella a fuoco alto con 30 g di zucchero e la cachaça. Lasciateli raffreddare. Sbattete l’olio con 60 g di zucchero, unite l’uovo e mescolate ancora. Unite poco per volta la farina setacciata con il lievito. Infine incorporate delicatamente i mandarini senza il loro liquido. Versate il tutto nello stampo e cuocete per 40 minuti. Lasciatela raffreddare e spolverate di zucchero a velo.
Se usate uno stampo meno alto possibile che basti un tempo inferiore di cottura.

Condividi:


17 commenti a “Torta di mandarini all’olio

  1. Oh bellina la tua torta!!!Non ho capito una cosa…ma gli spicchi rimangono interi? anzi non ne ho capite due…li hai pelati al vivo? grazie mille e bravissima!!un bacione!

  2. Buongiorno!
    Adoro l’olio d’oliva nei dolci… Mi piace molto quel sapore inconfondibile che riesce a conferire a questo tipo di preparazioni… Sono mica toscana per niente?! 😉
    Durante il periodo delle arance preparo spesso una torta con olio d’oliva e spremuta d’arancia che viene puntualmente spazzata via…
    A presto!

  3. mi sto specializzando al riguardo! sono un’ultra difenditrice dell’olio nei dolci! Lo trovo una specialità unica, conferisce un sapore tutto suo e poi… il burro sempre burro è, l’olio è più caratteristico, particolare, quello toscano o del garda, delicati e leggermente (come si suol dire anche se non ho mai capito perché) ‘fruttati’ (mah:), qualche altro dal sapore più definito e così via… questo dolce mi piace da morire e perché no, non solo per la presenza dell’olio ma anche per la sua ambigua natività! 😀
    bellissimo

    un bacio Kja :*

  4. Ho fatto un paio di cake con l’olio d’oliva, una ricetta -ad onor del vero- era di P. Hermé: un nome una garanzia…infatti definirlo delizioso non rende a sufficienza la sua bontà! E poi i dolci con i mandarini sono inusuali…peccato perché buonissimi!

  5. ohhhh ho giusto visto al negozio vicino questi stampini in alluminio vado a prenderli! splendida questa tortina!!!! ciao Ely

  6. E’ davvero un dolce molto intrigante. Mi piace molto la presenza degli agrumi, ma quello che mi fa impazzire è l’utilizzo dell’olio. Devo proprio provare a utilizzarlo in qualche dolce e perchè non iniziare da questa ricetta 😉
    Un bacione e buona serata
    fra

  7. Volevo farti i complimenti per il tuo bellissimo sito. Le ricette sono fantastiche e le foto fanno venire l’acquolina in bocca.
    Grande fonte di ispirazione!
    Eli

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *