Terrine per il pain d’épices

foiegras_terrina
Mattina prima della cena di natale con gli amici: sto decorando porta candele rimuginando sul menù quando l’amica incaricata di portare il dolce mi fa una chiamata per dirmi che oltre al dolce in questione in pasticceria ha addocchiato anche un bellissimo pain d’épices. Caspita, allora bisogna trovare il modo di valorizzarlo. E quindi?
Mollo, anche se a a malincuore, la mia penna glitter, e dopo un breve tour di frigorifero e dispensa mi rendo conto che ho tutto il necessario per fare non una ma due terrine, una di formaggio e una di foie gras.
A questo proposito, anni fa, quando ho iniziato il blog per intenderci, non lo amavo da impazzire, e anche se ora mi piace maggiormente non sono comuqnue una fan scatenata ma nemmeno a farlo apposta mi sono trovata ad utilizzarlo spesso in cucina ultimamente, in questo caso e in un altro che scoprirete tra qualche giorno

😉

formaggio_terrina
Terrina di foie gras

1 tolla di foie gras da almeno 100 g messa in frigorifero la sera prima
1/2 fava tonka
20 g di cioccolato fondente
sale di maldon

Grattuggiate la fava tonka e il cioccolato. Estraete il foie gras dalla scatola e tagliatelo in 4 dischi. Foderate di pellicola per alimenti un piattino metteteci un pizzico di fava e cioccolato, salate poco e posatevi un disco di foie gras, conditelo allo stesso modo e coprite con un altro disco, continuate fino a ricomporlo interamente. Chiudetelo strettamente nella pellicola e lasciatelo almeno 5-6 ore in frigorifero.
Servitelo con il pain d’épices.

Terrina di stilton

burro a temperatura ambiente 150 g
stilton 150 g
prugne secche denocciolate 7
noci a pezzetti 40 g

Lavorate con la forchetta il burro e il formaggio a pezzettini fino ad avere una crema amalgamata. Incorporatevi le prugne e le noci. Servite la crema con il pain d’épices

Condividi:


10 commenti a “Terrine per il pain d’épices

  1. alessandra
    in queso caso con il cioccolato ma a breve proprio co il cacao, che fai mi leggi nel pensiero?
    la fava tonka sta benissimo anche, e` lei l’alleata vincente

    bea
    si, settimana scorsa, mentre mi partiva la peggiore influenza degli ultimi anni,

    allora ho fatto solo antipasto e finger food ed eravamo in 10. I dolci me li hanno portati ed erano un favoloso cake arancia e pistacchio decorato benissimo e un tiramisu classico e molto buono
    allora se ben ricordo:

    involtini autunno con una crema di ricotta, mascapone e soya invece che quella che ho indicato nella ricetta
    – le due terrine con il pain d’epices
    – olive all’ascolana
    – panzerotti mozzarella e pomodoro
    torta salata alla carota
    cake con radicchio, stilton e uvette
    – sformatini alla zucca
    – insalata di valeriana, mandarini e avocado
    (ricette nei prossimi giorni)

    annalisa
    si, il caro vecchio foie gras 😉

  2. Che gourmandise, ti copierò senza vergogna :* ! Mi chiedo dove possa trovare del buon fois gras a Milano, oltre che da Peck…

    Sto usando i vasetti di vetro come piccoli pot da cremine, ma se avrò tempo proverò anch’io a farne delle graziose bugie per una cena con amici :-)

  3. Mamma mia Kja, è sempre una delizia approdare qui. Le foto, chetelodicoaffà, davvero meravigliose. Stavolta trovo pure i lfoie gras, che invece io adoro. L’accostamento con il cioccolato mi incuriosisce…
    Se vuoi passare da me troverai la Campagna BLOG, ci vediamo lì ? Bacioni

  4. che bel menu! adoro queste cene o pranzi con tante piccole cose diverse da mangiare! nonostante l’influenza, grande inventiva e buona ispirazione per altre “mie” cene!

  5. Bellissimo sito, preparazioni raffinate e foto fantastiche e…ispiranti al massimo! approdo qui da anice&cannella, giusto 20 cents per dirti che in francia ho gustato un amuse bouche fatto di un tondo di pain d’epices tostato con sopra chévre chaud…ottimo sposalizio, anche se più semplice della tua bella preparazione. buon lavoro!

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *