Tramezzini caldi di olive all’ascolana

triangoli_carne2
Primo dicembre! Incredibile. Mi sembra ieri che annaspavo per trovare delle decorazioni natalizie per delle foto che sarebbero uscite sotto Natale e poi in un battito di ciglia, va beh 3 mesi circa, i negozi si sono riempiti di cosine stupende e di tante lucette. Devo dire che sono contenta, soprattutto perchè oggi ho aperto la prima casellina del mio calendario dell’Avvento, una cosa a cui non potrei mai rinunciare. Ah, ho trovato un galeone dei pirati dentro ad un lucernario innevato.
Ma veniamo alla ricetta di questi tramezzini caldi di olive all’ascolana, nata per riciclare, nemmeno a dirlo, gli ingredienti delle olive all’ascolana. Perchè sì, ora posso dire di aver sperimentato l’ebrezza del taglio elicoidale. Una cosa di quelle che non sapevo nemmeno esistessero. Una cosa di quelle che non potrei mai fare senza l’aiuto di Jack*. Magari tutti lo sanno, ma io che le olive all’ascolana le avevo mangiate si e no due volte senza troppo interrogarmi a riguardo, ho scoperto solo preparandole che per farci andare il ripieno di carne lì dove ci stava il nocciolo bisogna come sbucciare via la polpa dell’oliva con appunto un taglio a elica. Una cosa che se me la descrivessero senza menzionare la celebre ricetta marchigiana mi farebbe più pensare a qualche tecnica thai di scultura della verdura. E invece no.
Comunque dopo averne fatte un certo numero avevo voglia di fare qualcosa di diverso, ma gli ingredienti a disposizione erano quelli e così sono nati questi finger food, una versione destrutturata delle olive all’ascolana. Ricetta super gustosa e tutto sommato veloce che sarà protagonista di cene e pranzi, soprattutto perchè a questo punto ne sto studiando anche la versione veggie 😉

triangoli_carne
Tramezzini caldi di olive all’ascolana
per 25-30 mini tramezzini

10-12 fette di pan carré

per il ripieno:
grosse olive verdi in salamaoia 12
carne di pollo tagliata a pezzettini 100 g
salsiccia sbriciolata 100 g
carne di manzo tritata 100 g
la buccia di un limone bio
cannella la punta di un cucchiaino
50 gr di formaggio grana grattugiato
1 uovo
sale e pepe

Preriscaldate il forno a 210 gradi. Snocciolate e tagliate a pezzettini la olive. Fate rosolare bene la carne, salate e pepate. Al termine della cottura frullate la carne e unite il formaggio, l’uovo leggermente sbattuto, la buccia del limone, la cannella e le olive. Preriscaldate il forno a 210 gradi. Ungete le fette di pan carré con poco olio di oliva quindi spalmatene una con il composto di carne, sovrapponetevene un’altra per chiuderla come un panino. Con un coltello dividete il panino in 4 triangoli e poneteli su una teglia da forno. Continuate fino ad esaurimento degli ingredienti. Cuocete i tramezzini in forno 4-5 minuti per lato sotto il grill. Serviteli caldi.

*Chi è Jack? Non ve lo dico. Anzi sì ma un’altra volta.

Condividi:


33 commenti a “Tramezzini caldi di olive all’ascolana

  1. Mi piace l’idea della destrutturazione di un piatto arvcinoto che si trasforma in qualcos’altro… mi piacerebbe che succedesse anche al tempo… così non dovrei preoccuparmi che è già il primo dicembre!!!

  2. Ommioddio!
    che meraviglia goduriosissima.
    Dunque, io adoro le olive all’ascolana. E impazzisco per i tost. come la mettiamo, questo diventerà il mio piatto preferito!!!!

  3. Beh, le olive all’ascolana per me sono sempre state un must a matrimoni, feste e rinfreschi, ma non mi sono mai interrogata su come si facessero.. già il nome, taglio a elica, mi fa propendere per i toast!!

  4. in pratica olive all’ascolana ma con le olive nascoste… ottima soluzione per chi come me ha un fidanzato che non mangia le olive (se le vede!)

  5. Strepitosii!!!! Che gola pazzesca mi fanno!!!!!!!!
    Anche io non potrei mai rinunciare al mio calendarietto dell’avvento! In famiglia anzi ne abbiamo uno ciascuno… ;-P io stamani ho trovato un tradizionale ma molto rassicurante rametto di agrifoglio
    :-)!

  6. Io ho una ricetta diversa, di un’amica marchigiana, in cui la componente di grasso è ancora – incredibile! – maggiore. L’idea di spiattellarle in un tramezzino è incredibile, ora non mi vergognerò più di mangiare il panino con i bastoncini Findus 😉

  7. Neanch’io rinuncio facilmente al mio calendario dell’Avvento. Tutte quelle finestrelle da aprire mi portano indietro nel tempo…sarà il natale che si avvicina. Tramezzini fantastici! A presto!

  8. @Maricler et Lefrancbeveur: mio marito mangia il panino con burro e patate fritte 😉
    Kja bellissima questa idea…. ma non ho ben capito come si tagliano le olive… un disegnino?

  9. bene bene!
    Ma che idea carina, mi piace quando qlc riesce a destruttuare una ricetta… in modo così invitante!
    SUper vincente direi, no???
    E cmq ti capisco, anche io adoro la prima casellina del calendario dell’Avvento :)

  10. moooolto ma mooolto sfiziosi i tuoi tramezzini, di quelle cose che fanno veramente salivare la sottoscritta.
    Mo’ mi vado a vedere anche la ricetta delle olive all’ascolana che è una dlele mie passioni più torride 😀

  11. Una versione destrutturata delle olive all’ascolana assolutamente strepitosa! E te lo dice un’abruzzese che le apprezza e conosce benissimo! Complimenti…

    Buona serata…

    Ele :)

  12. Ciao volevo ringraziarti perchè ho fatto i tuoi muffin pere e cioccolata e sono venuti vermamente buoni, mio marito mi ha detto che sono i migliori che gli abbia mai fatto. io cucino macrobiotico ma i tuoi mi hanno ispirato per la leggerezza e dato che hanno solo un uovo mi sono lanciata. ho sostituito il latte de leche con sciroppo d’agave. merci allora!!!

  13. Caspita! Che successo queste olive all’ascolana destrutturate, non pensavo :)
    Grazie e tutti per i vostri commenti e fatemi sapere se li testate, ne sarei curiosa
    Quanto a Jack merita un post a parte, mi spiace dovrete pazientare
    😉

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *