Il riso latte

riso_latte
L’estate scorsa ho fotografato delle ricette di Marisa Laurito per Alice cucina. Tra queste un riso latte aromatizzato con cioccolato e kahlua, un liquore al caffè. In casa non l’avevo di certo e nonostante le ricerche in due o tre supermercati di catene diverse non l’ho trovato, così il mattino dopo sono entrata in un bar verso le nove e ho chiesto all’anziano barista una kahlua.
Anzi, gli dico, me la faccia doppia. Gli avventori del locale mi guardano con disapprovazione che si trasforma in incredulità quando chiedo che mi sia messa in un bicchiere di plastica che mi sono portata appresso. ‘Sti bar francesi sono talmente sforniti. Il barista mi dice che non sa se ne ha e cerca senza convinzione. La bottiglia occhieggia da un ripiano alto, piena a metà e completamente impolverata; non deve essere un drink popolare. Gliela indico. Me la versa riluttante ma prima di tendermi il bicchiere mi dice se non è un po’ presto, sento bibisgliare di rimando da un uomo stempiato che sono così giovane. A parte che ho 25 anni, vorrei dirgli, e poi e` colpa mia se Marisa vuole che il riso latte sia aromatizzato con ‘sta roba?! Che poi avra` si e no 20 gradi, non e che sia una cosa da 40 gradi. Ma decido di non concedere nulla. Spiego al barista con calma che questa è l’unica cosa che mi sveglia alla mattina, il caffè mi brucia lo stomaco, il tè proprio non fa per me, ma la kahlua va che è una meraviglia. Tutti sembrano soddisfatti della risposta, pago (7 euro per una kahlua doppia!) ed esco dal bar stringendo il mio bicchiere da pic nic colmo di liquore.
Quando l’altra sera ho provato un desiderio urgente di riso latte mi sono ricordata della ricetta di Marisa. Che avevo trovato davvero buona. Ho deciso di omettere la kahlua nonostante ne avessi ancora un po’ ( è ancora in frigorifero in un ex vasetto della marmellata, la doppia porzione si era rivelata abbondante alla fine) e di sostituirla con della stecca di vaniglia, ma anche la kahlua, devo dire, non ci stava male.
Sempre a proposito di Alice cucina è in edicola il nuovo numero con alcune mie foto e una piccola rubrica su Parigi. La prima colonnina non poteva che essere dedicata a Merci, il mio nuovo posto del cuore 😉

Il riso latte di Marisa

riso basmati cotto al dente 150 g
½ l di latte
1 /3 di stecca di vaniglia
70 g di zucchero
80 g cioccolato fondente sminuzzato

Fate bollire a fuoco medio il riso nel latte per 20 minuti circa insieme allo zucchero e alla stecca di vaniglia incisa e da cui avrete prelevato i semini. Fate cuocere fino ad asciugare il latte, poi levate dal fuoco e unite il cioccolato e mescolate. Servite tiepido o freddo di frigorifero con altro cioccolato sminuzzato.

Volendo potete unire 1 bicchierino di liquore Kahlua insieme al cioccolato e far bollire il latte con una stecca di cannella omettendo la vaniglia. Marisa suggerisce di servirlo con della panna montata.

Condividi:


23 commenti a “Il riso latte

  1. che ridere! ;-D
    mi hai ricordato un’episodio analogo riguardante gli anni dell’università. feci così con dell’whisky (per qualche piatto di non so più cosa) e come te andai a prenderlo al bar. non ti racconto quali furono i commenti in venexian… ;-DD

  2. Buono il risolatte!!

    Ti assicuro che qui in Italia, tra un campari e un bianchino saresti diventata l’idolo del bar 😉

  3. è un po’ come quando io chiedevo le siringhe da insulina e l’acqua per fare le iniezioni al mio vecchio cane. giuro, erano davvero per lui!

  4. Mi hai fatto ridere!! Me l’immagino quelli del bar a vedere una biondina farsi di Kalhua la mattina!!
    Pero’ sono ‘divertenti’ questi fraintesi..no?
    Il risolatte, mi tocchera’ farlo.
    Sicuramente sono io che ne ho voglia, perche’ me lo trovo da tutte le parti mi giri!!
    😉

  5. la kahlua è introvabile!! ho una ricetta al cioccolato con questo liquore e pochi giorni fa ho ordinato la bottiglia alla mia amica barista…..ne avrò di ricette da fare, questa compresa!!

  6. Marisa numero uno, nient’altro da dire.
    La kahlua qui la vendono quasi ovunque, serve una bottiglia per le dure sveglie mattutine? ]:D

  7. Anche io sarei scoppiata a ridere nel dare la risposta che hai dato tu! Però ora mi hai incuriosita e voglio provare anche io la kahlua…

  8. Oh my gosh Chiara :DDD
    Il the non fa per tè!!! Il lato ironico della Bellasio è quasi più irresistibile di quello poetico… Il giglietto stavolta ha un probelma: non ama i dolci con i chicchi di riso! Se dovessi incappare in della Kahlua forse forse…

    Comprerò Alice cucina allora :) Sul sito non mi oriento molto bene devo dire :( Ti lascerò le mie impressioni. Intanto, brava, avanti così!

    Bacio

    ps: la foto è stata scattata su un piano di onice/marmo?

    ps2: ultmamente da L’Essenza ho preso due ciotoline da the giapponesi… Non credevo ai miei occhi quando le ho viste… Se ti dico “Mango lassi” 😉 ?

  9. Chiara, ieri leggere questo post mi ha davvero scatenato il desiderio di risolatte. Così dopo cena mi sono gustata un bel film mangiando questo dessert, che ho aromatizzato con vaniglia e cui ho aggiunto dei pinoli, come avevo visto forse in qualche ricetta tempo fa. In questi giorni sto riguardando bene il tuo archivio, anzi diciamo proprio “spulciando” alla ricerca di una torta d’effetto per il compleanno di mia sorella, grande chocolate-addicted…
    Che bello, una rubrica su Paris! Voglio assolutamente vederla :-)
    A presto <3

  10. la tua impresa mattutina è meravigliosa anche e soprattutto nel non concedere nulla! condividiamo insime la passione per quel posto del cuore, tanto più significativa visto che è lì che ci siamo conosciute/i. Complimentissimi per republica e tutto il resto, un abbraccio
    Maite

  11. Grazie a tutti per i vostri commenti e complimenti sono contenta se sono riuscita a farvi ridere!

    The mademoiselle
    io ti direi di fare la torta di herme con cioccolato e lamponi e magari decorarla con extra lamponi sopra e magari delle decorazioni di cioccolato molto semplici. Quella torta e` deliziosa!

    Much
    per la sveglia no, per altre ricette di marisa forse 😀

    Lilium
    😀
    pensa che non l’avevo comprata li` la tazza, me l’avevano regalata ma se ora lei le ha vado a prenderne un’altra per fare la coppia. Che memoria fotografica che hai!
    Si, un pezzo di marmo che ho trovato abbandonato sotto casa. l’ho portato al V piano con uno sforzo sovarumano ma ne sono felicissima

    mika
    grazie, che carina!

    Virginia e Bea
    in effetti si, grazie per i complimenti!

    Maite
    e` stato un piacere anche pe me incontrarvi! Sai che l’ultimo bocciolo del bellissimo fiore che mi avete regalato e` ancora in splendida forma?
    la prossima volta che vado da merci ne prendo un altro :)

  12. ciao, Chiara :)
    prima di tutto complimenti, il tuo blog mi piace moltissimo, e spesso prendo spunto da te per cucinare..
    Poi.. tenendo conto che compirò 40 anni in aprile.. mi suggeriresti una rosa di hotel a Parigi? A me piacerebbe soggiornare a Ile St-Luis, me ne sono innamorata cinque anni fa, ma all’epoca, essendo la prima volta a Parigi, avevamo preso una camera all’holiday inn alla Gare de L’est.
    Grazie mille, baci.

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *