Pasta sablée

sable_cordon
Un mio amico sta studiando Le cordon bleu, quindi io appena posso cerco di imparare da lui tecniche, attenzioni e magari delle ricette provenienti dalla prestigiosa scuola di cucina.
Questa pasta sablée viene direttamente dai suoi appunti e per quanto mi riguarda è diventata la ricetta della pasta sablée. Si amalgama molto facilmente (forse per l’assenza dell’uovo?) e burro e zucchero sono in perfetto equilibrio. Per il momento ho sempre fatto dei biscottini semplici oppure arricchiti con scaglie di cioccolato o frutta secca tritata, ma la prossima volta sarà una crostata.

Pasta sablée

125 g di farina
85 di burro
30 g di zucchero a velo
un pizzico di sale

Mescolate farina, sale e zucchero a velo. Unite il burro a pomata e lavoratelo con la punta delle dita al resto. Quando avete ottenuto una pasta amalgamata ponetela in frigorifero avvolta nella pellicola per 30 minuti. Riprendete la pasta dal frigo, stendetela. Io ho ricavato 12 biscotti di 7 cm di diametro e li ho cotti a 170 gradi per 15 minuti. Se fate delle crostate dovrete necessariamente prolungare il tempo di cottura.

Condividi:


31 commenti a “Pasta sablée

  1. grazie questi impasti base sono sempre molto utili! La proverò al più presto
    La foto è splendida, complimenti
    Un bacione
    fra

  2. Che fortuna frequentare Le Cordon Bleu! Che programma segue?
    Proverò presto questi biscotti e spero carpirai qualche impasto base salato, così cambio un po’ dai miei due soliti.

    Mi spiace avere letto troppo tardi del tuo soggiorno ligure, per un po’ non ho avuto accesso alla rete. Mi avrebbe fatto tanto piacere incontrarti di persona.

  3. Non mi è sfuggito il tocco di classe. Sfondo bianco a micropois azzurri, nastro azzurro, a macropois bianchi: splendida foto, assolutamente degna di questi biscotti!

  4. Non sapevo di questa grandiosa scuola…ma che bello avere un amico che la frequenta: tientelo stretto e fagli 1000 domande!
    le tue foto sono sempre fantastiche!Castagna

  5. La foto è splendida, davvero.

    Amo le ricette che si possono fare abbastanza velocemente e che non necessitano di una grande pianificazione di tempi e ingredienti; tornano sempre utili nei momenti più frenetici!

    Però credo che raddoppierò le dosi: dodici biscotti a casa mia durerebbero dodici minuti :)

  6. Sembra di sentire la sottile sfoglia croccante al profumo di burro! Grazie per la ricetta e questa foto che sà d’infanzia :-)

  7. Chiara, la foto è deliziosa. Bella bella. Credo di non aver mai fatto una pasta sablé in vita mia … già faccio a botte con la frolla. Comunque è segnata.
    Baci

  8. Ciao Chiara! Sono sabrina, ci siamo sentite via mail! Cosa dice il tuo amico della scuola? Incuriosita ho richiesto info alla cordon bleu,non si sa mai sia una scusa per venire a vivere a Parigi.. un curriculum di pasticceria costa 16900 euro!! Però!!

    • Significa che il burro deve essere morbido morbido, come una pomata. per ottnere questo risultato lo devi portare a temperatura ambiente e lavorararlo con un frusta. Quando hai la consistenza di una pomata ci sei :)

  9. Pingback: Biscotti salati al pecorino sardo e rosmarino « radicchiodiparigi

  10. Pingback: amiloquemegustaescocinar » Blog Archive » Galletitas “principe” y reflexiones del todo a cien

  11. Pingback: Marmellata di albicocche, pere e frutta secca « radicchiodiparigi

  12. Pingback: Il Pranzo di Babette » Blog Archive » Biscottini salati al pepe rosa e timo

  13. bella davvero questa ricettina: a me piace tanto avere delle ricette base che funzionano sempre anche con varianti di dolce/salato o di erbe e aromi vari…è come un piccolo patrimonio, una certezza su cui puoi sempre contare…Brava!

  14. Interessanti questi biscotti voglio provare poi mi incuriosisce il fatto che siano senza uova!!!anche io ho un blog o almeno ci provo!!!elisa

  15. Ciao a tutti!

    Mi è piaciuta d’avvero questa ricetta ma ho avuto un problema. Dopo aver messo la pasta amalgamata nel frigorifero per 30 minuti, non ho avuto successo di ottenere una pasta compatta per stenderla. Cosa devo fare? Grazie :-)

  16. Pingback: Un pomeriggio con Lavinia -

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *