Tagine di sardine

tajine_sardine
È un periodo di su e giù. Sono andata e tornata dall’Italia, senza macchina fotografica, per una volta volevo viaggiare un pochino più leggera e me ne sono pentita quasi subito. Prima di tutto perchè sono stata ad un divertente evento di cui vi parlerò spero presto e poi perchè ho finalmente mangiato, molto bene, al Sempione 42 dopo averne tanto sentito parlare da Maricler e da Fabrizio. Comunque rientrata a Parigi ho finalmente sfogliato con più attenzione un bel libro sulla cucina del Ramadan che mi hanno regalato recentemente. Percorrendo le cucine tradizionali dei vari paesi mussulmani, questo libro propone tutta una serie di ricette che sarebbero destinate a spezzare il digiuno in questo particolare periodo.
Questa tagine di sardine di origine marocchina, tagine él- sérdine, non ha attirato la mia attenzione subito, ero piuttosto incuriosita dalle crepes dell’Africa nera o dal minestrone pakistano ma poi dal pescivendolo ho visto delle belle sardine e così i miei piani sono cambiati.
Il titolo del libro? Saveurs et couleurs – Les cuisines du Ramadan à travers le monde- di Hind Caidi, edizioni Albin Michel.

Tagine di sardine

sardine 250 g
uovo 1
pomodori 500 g
prezzemolo 1 manciata
coriandolo 1 manciata
aglio 1 spicchio
cumino 1 cucchiaino
paprika 1/2 cucchiaino
pane grattugiato 4 cucchiai colmi
1/2 limone confit affettato o 2 fette di limone sotto sale
olive verdi 80 g
olio

Private le sardine di testa, interiora, lisca centrale e coda. Lavatele e tamponatele con carta assorbente da cucina. Lavate anche le erbe. Tritate le sardine con le erbe e l’aglio e conditele con le spezie, sale e pepe. Unite l’uovo sbattuto e il pan grattato. Formate delle polpette della dimensione di una noce, o poco più. Sbucciate i pomodori; ponendoli nell’acqua bollente per 2 minuti l’operazione diventa rapida. Se non vi piaccione eliminate anche i semini, tagliateli a pezzetti. Ponete i pomodori in una pentola dotata di coperchio, unite 1 cucchaio di olio, il limone, e il pepe. Fate cuocere 5 minuti a calore medio quindi riducetelo e unite le polpette e le olive verdi. Fate cuocere per 15 minuti a fuoco dolce e coperto. Servite le polpette calde con il sugo.

0
  
Condividi:


31 commenti a “Tagine di sardine

  1. Che splendido piatto deve essere davvero molto profumato! Mi hai dato una splendida idea per la cena, grazie
    Un bacione e buon fine settimana
    fra

  2. CiAOOOO!!!! Sono felice che abbiate mangiato bene tu , Chiara e Fabrizio, sempre meglio che tutti quanti noi al ristorante Scelto per la cena conclusiva della cooking session..ma meglio non fare nomi! Bellissima questa tua ricetta, e mi piace anche lo stile marocchino che hai messo nella foto! Un bacione forte forte!!

  3. Una versione origianale e stuzzicante per realizzare le solite sardine che di per sè non mi dicono molto.
    Peccato che non ti sia portata la macchina fotografica…le tue foto mi piacciono sempre moltisimo.
    A presto,

    Nadia – Alte Forchette -

  4. io vado pazza per questi piatti! I sapori, i profumi mmmmm non ci posso nemmeno pensare! il tagine di sardine mi manca ed è una mancanza gravissima a quanto pare, complimenti!!!!

  5. ciao kja
    anch’io sono stata tempo fa al sempione 42, concordo, gran bel posto, con questo soppalco meraviglioso e buona cucina!
    buon we

  6. Ciao Chiara, dopo mesi di frequentazione anonima del tuo incantevole blog, fonte di ispirazione giornaliera per la bellezza e la cura che poni in tutto ciò che pubblichi, lascio un messaggio sulla Tajine che proverò stasera in occasione di una cena tra amici. A rileggerti! Barbara

  7. Fra
    ne sono lieta

    Elga
    cara! Non dirlo a me, sono stata malissimo durante la notte. Ma la giornata al teatro 7 e` stata carinisisma ne conservo un ricordo stupendo :*

    Marina
    Vas-y

    nadia
    ti ringrazio molto :)
    Si, guarda forse perche` il gorno rpima ho avuto una giornata pesante… Peccato ma ne parlero` lo stesso.

    Lisa
    guarda se ne sei amante ti consiglio di provare, questa ricetta poi e` molto veloce

    Maricler
    ma che bello! Sono molto contenta :)

    Lefrancbuveur
    purtroppo no, ho mille posticni da provare a parigi, ma ci andro` prima o poi :)

    Babs
    si, cucina favolosa, se ripenso all’anguria grigliata con la julienne di calamaro crudo (!!)

    Barbara
    grazie di esserti rivelata allora. Spero proprio che questa tagine piacerea` a te e ai tuoi ospiti :)

    Twostella
    pensa io le ho scoperte recentemente, sono molto versatili tra l’altro, prossimamnete proporro` altre ricette

    Gio
    sono molto gustose :)

  8. mi piace molto questa ricetta per come hai preparate le sardine come delle polpette, mi è venuto in mente che può essere un modo per fare mangiare ai ragazzi il pesce più facilmente, ciao e compliementi per la realizzazione

  9. noooo che buonooooo mio marito se vede questo post mi costringe a provarci..ma non forse :-P ancora non ha capito che brava come te non si può proprio essere :-D

    bravissima tesoro e un grande bacione
    Silvia

  10. Che ricetta e il libro sembra molto interessante. Anch’io tempo fa’ ho pubblicato delle kefta di sardine (simili) ed è vero che sono una bella sorpresa. Foto suggestiva come sempre!

  11. io sono molto affascinata dallo strumento tajine. l’ho comprata circa un anno fa e l’ho utilizzata per due ricette con il pollo, marocchine credo, ma poi non ho trovato altre preparazioni per utilizzarla. Questa mi piace e se per caso nel tuo libro ce ne fossero ancora sarebbero molto apprezzate… :)

  12. Credo che questo piatto mi piacerebbe molto…..di solito non sono una patita del pesce azzurro, anche perchè non ho molte idee per cucinarlo…ma quando trovo la ricettina giusta, quella sfiziosetta, gustosa, saporita, come questa qui….piatto ricco mi ci ficco! E divento subito la fan numero uno di sarde e sardine…Un abbraccio forte! :-D

  13. Cosa vedono i miei occhi: le sardine! Da quando ho riscopero il piacere (anche per le mie tasche) del pesce azzurro non faccio che acquistarlo e sperimentare ricette sempre nuove. Adesso sono rimasta a corto, grazie dell’idea :)

  14. Ciao Chiara, piacere di averti conosciuto domenica sera qui a Londra…spero di risentirti presto magari tramite il tuo blog o di rivederti qui quando torni a trovare gli altri amici…magari per qualche “avventura” culinaria! un saluto a presto Fulvia

  15. Trovo qui sempre delle ricette e delle foto perfette! Non puoi viaggiare senza macchina fotografica,come fai poi dopo ad allietarci senza i resoconti dei tuoi fantastici viaggi!
    un saluto!

  16. Grazie a tutti per i vostri commenti!
    @Fulvia
    ha fatto piacere anche me, spero di rivederti alla prossima gita londinese :)

  17. Pingback: Il Pranzo di Babette » Blog Archive » Crepe all’africana

  18. Pingback: Il Pranzo di Babette » Blog Archive » Maakoude alle carote

  19. Pingback: Limoni confit con alloro e rosa canina · Kitty's Kitchen

  20. Pingback: Le polpette di sarde « Kitchenqb – Ricette siciliane – cucina tipica siciliana – ricette etniche

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>