Cicoria in padella

cicoria-uovo
II episodio sulla cicoria. Continuando sul filone della cottura questa volta l’ho semplicemente saltata in padella con olio, aglio fresco e peperoncino e, per renderla più golosa, l’ho servita con una vinaigrette all’uovo. Scottandola appena la cicoria perde la sua consistenza coriacea,e almeno per me risulta molto più piacevole.
Tutto qui, una ricetta semplice e non certo dispendiosa, in linea con cucina economica, il sito a cui la vulcanica Barbara Favaron, ideatrice del progetto, mi ha invitato a partecipare. Si tratta appunto di un sito e non di un blog e ci troverete ricette appetitose e colorate realizzate seguendo innanzitutto il criterio della stagionalità e all’insegna del biologico oltre che del risparmio.

Cicoria in padella
Questa volta la ricetta è un po’ a occhio, e un po’ approssimativa.
Cominciate con la vinaigrette: fate cuocere un tuorlo in camicia (in acqua bollente corretta con dell’aceto per 3 minuti), scolatelo e asciugatelo sulla carta assorbente. Fatelo raffreddare. Frullatelo con un cucchiaino di senape, un cucchiaino di aceto, sale, pepe e 3 cucchiai di olio.
Lavate la cicoria (per 4 persone intorno ai 350g – 400 g direi) e scolatela bene. Tritate mezzo peperoncino e uno spicchio di aglio, fresco se l’avete, e fateli scaldare con 1 cucchiaio di olio nel wok. Quando sono trascorsi 3-4 minuti unite la cicoria e fatela appassire per 5 minuti, perderà acqua e volume. Man mano che si fa spazio nella pentola unite altra cicoria e mettete quella cotta sulla griglietta per la cottura al vapore di cui molti wok sono dotati. Servite la cicoria tiepida con la vinaigrette all’uovo.

Condividi:


12 commenti a “Cicoria in padella

  1. J’adore :-)

    Pensa, io la “cicoria matta” la mangio persino cruda, in primavera… A me la consistenza coriacea delle foglie in genere non dispiace affatto, anzi… Sarò forse la reincarnazione di qualche ruminante :-p

  2. Brave girl! No, io come dicevo non riesco, e` piu` forte di me, ma appunto escogito i modi per mangiarla cotta. Secondo la vinaigretet dovrebbe starci bene anche a crudo comumque.

  3. Questo piatto nella mia famiglia è una vera e propria tradizione. Anche mia mamma si limita a saltare la verdura in padella e infine aggiungiamo peperoncino a piacere. Devo dire che io non l’ho mai molto amata, e ultimamente per tollerarla un po’ di più la mangio con la tajine allungata con l’acidulato di umeboshi e acqua… così devo dire il sapore della verdura non si sente più molto, ma in compenso almeno riesco a mangiarla! :_)

  4. Bellissimo il sito in collaborazione con Babs…e queste ricettine cicoriose mi piacciono davvero molto (la vinagrette all’uovo è molto chic)
    Un bacio e buon fine settimana
    fra

  5. Mi piace molto questo periodo verduroso, devo dire lo preferisco al periodo “dolce”…(seppure a onor del vero ho appena sfornato i tuo cupcake alla lavanda..:-))

  6. ciao ti seguo da un po questa è la prima volta che scrivo, sei fantastica!!! una piatto semplice e gustosissimo e tutto reso più “magico” dalla vinagrette!! mmmh

  7. babuska
    classico per te, sai che non le mi provate insieme?

    Marina
    l’acidulato di umeboshi nonl’ho mai mangiato, ho provato le prugne e le ho sempre in frigo , le uso per marinare il tofu, non mi immagino che gusto possa avere con la cicoria

    elisabetta
    grazie :)

    spighetta
    figurati, grazie, sie molto carina :)

    fra
    e` in collaborazione con babuska, comuqnue si sono contenta anche io,e ` stimolante cucinare con dei criteri particolari e quello del risparmio e` piu` che mai a` la page

    alessandra
    e lo so, vado a fasi, sono fatta cosi`, ma forse dipende anche dalla stagione, non so. ma mi sa che presto ci sara` un’altra piccola ondata di dolce 😉
    Ma dai? spero che ti siano piaciute :)

    marta
    grazie, sei troppo buona, era una foto frettolosa direi

    felinati
    grazie per l’entusiasmo, spero che ti piacera` :)

    Gunther
    grazie

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *