11 commenti a “Go green #3

  1. Più vai avanti più le tue foto raccontano il cibo da vicino, senza orpelli, luci eccessive, senza troppa post-produzione insomma. E il bello è che il tuo è un percorso assolutamente personale, frutto di una visione del cibo originale e interessante, che velocemente procede verso risultati sempre più pieni, poliedrici.
    ps. Ma un go-yellow ora che è primavera?

  2. Imacaron per risultare così, non sono comunque “colorati”? Semmai ci dovremmo chiedere cosa usano!

    Gea
    —-
    geacucina.splinder.com

  3. Fra
    temo giusto il colore :)

    Maricler
    ma che bella riflessione-commento, un concentrato di belle parole. grazie Maricler il go yellow e` una buona idea, vedremo

    gea
    beh si, ma ad esempio in un macaron di herme` il olornte e` solo un piccolo aiuto ad un’artista, in questi macaron ho visto poco o ninte di artistico, ma motlo di marziano (nel sneso di verde marte 😉
    elisabetta
    sono in buona compagnia allora :)

    lisa
    beh, grazie :)

    Marta
    centrato il punto :)

    Marina
    no, ti dico mi affascinva il colore ma non sono un’amante in generale dei dlci al pistacchio, quindi mi sono limitata allo scatto

  4. ho provato a fare dei macarons al matcha, che gia’ di suo colora abbastanza, tralasciando ilrisultato nullo per i macarons, se non avessi aggiunto un po’ di colorante non avrebbero mai avuto un colore verde brillante…..almeno in questi macarons c’e’ una parte di colore che viene dal pistacchio, credo che il piu’ delle volte il colore sia dovuto SOLO al colorante! :)

  5. Foto stupenda (d’accordo con Maricler) Per quanto riguarda i colori e i sapori dei macarons (non d’autore) ci sarebbe da discutere a lungo…

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *