Tartare di gamberi al sesamo

gamberi_crudi1
Questa tartare di gamberi al sesamo era un po’ che volevo provarla. Ma chissà perchè tutte le volte, che si contano sulle dita di una mano tra l’altro, che mi sono trovata a disposizione dei bei gamberi crudi di Mazara, questa ricetta giapponese con accenti fusion non mi è mai venuta in mente.
Devo dire che la marinata al sake e la crema di sesamo conferiscono un sapore particolare e inconsueto, che magari non tutti possono apprezzare al primo boccone. Poi però terminato un crostino attenzione perchè tutti vogliono il bis! Le porzioni che vi lascio sono per 6 crostini piuttosto grandi, volendo potete tagliare a metà ogni fetta di pane prima di tostarla e ottenere 12 piccoli triangoli. La ricetta è adattata da un libro che possiedo da tempo “Wa- fumi, à la rencontre des saveurs de Japon” di Mariko Ueno.

Tartare di gamberi al sesamo

per 6 tartine grandi o 12 piccole

gamberi crudi freschissimi 100 g
pane in cassetta, preferibilmente integrale 6 fette
songino o germogli per guarnire

per la marinata
sake 1 cucchiaio
olio di sesamo 1 cucchiaio
zenzero grattugiato 3 cucchiaini
sale
pepe

per la salsa al sesamo
tahina 2 cucchiai
salsa di soya 2 cuccchiai
aceto di riso o di mele 1 cucchiaino

Eliminate il filetto nero dai gamberi sgusciati. Conditeli con gli ingredienti della marinata. Ponete in frigorifero a riposare per almeno 30 minuti.
Preparate la salsa al sesamo mescolando tutti gli ingredienti. Tagliate la crosta dal pane in cassetta, fatelo tostare bene, spalmatelo con la crema al sesamo, distribuitevi i gamberi, qualche foglia di songino e servite.

gamberi_crudi2

Condividi:


12 commenti a “Tartare di gamberi al sesamo

  1. Bellissima foto! I gamberi conditi coi sesamo e sake devono essere d’un altro mondo! Li provero questa settimana per una cena fusion-light. Grazie!

  2. Non mangiando pesce crudo, stavolta mi soffermo solo sulle foto. Questi sfondi di vari blu che stai usando ultimamente sono raffinatissimi ed esaltano ancora di più il piatto stesso. E la luce è sempre più avvolgente.
    Bravissima

  3. Specialissimo…io credo che mi tarerò su dosi molto più consistenti, perchè potrei farne una cena intera, di questi crostini! 😀

  4. manue e silvia
    si, o con un cocktail a base di sake :)

    Lisa
    si, e` vero ma voglio provre a farlo anche con dei gamberi cotti, ho amato troppo il connubio

    radicchio
    occhio da intenditrice 😀

    Marta
    fammi spaere se li provi :)

    Fra
    assolutamente buono, quello si` :)

    Alex
    grazie, sono nella fase blu in effetti 😉
    Sai che comumque questa marinata mi e` piaciuta talmente tanto che penso di provare a renderala anche con i gamberi cotti, anche se devo un po’ studiare la cosa. ti diro`!

    Romy
    gurda l’unica cosa he mi ha trattenuto dall’abbondare sono stati i costi della materia prima

    Francesca
    e lo so che tu ami il crudo, questi sono molto buoni, se trovi dei gamberi provali

    Comida
    troppo buona :)

    Tony
    grazie, forse dei germoli ci sarebbero stati meglio ma non ne avevo quel giorno

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *