Marshmallow allo zafferano

guimauve2
I marshmallow, i dolcetti morbidi e colorati che adoravo da bambina, li avevo già postati in una variante piccante con il piment d’espelette. Questi sono invece aromatizzati con un’altra spezia, lo zafferano, che gli conferisce una bellissima tonalit` di giallo chiaro.
Io ho messo 3 bustine perchè volevo che il sapore fosse intenso ma forse si può ridurre a due, dipende anche dal tipo di zafferano che usate. Solo mentre scrivo mi rendo conto che da Pain de Sucre li avevo gustati in una versione molto riuscita che accoppiava proprio zafferano e piment d’espelette. La prossima volta proverò anche io a riunire queste due spezie.

Marshmallow allo zafferano

per 400 g di guimauve

gelatina 6 fogli
zucchero 270 g
acqua 75 g
albumi a temperatura ambiente 4
zafferano 3 bustine

Oliate un contenitore, foderatelo di carta da forno,facendola aderire bene e oliate anche quella. ( io ne ho usato uno di 33 x 12 x 4 cm)
Ammollate la gelatina nell’acqua fredda. Mettete gli albumi nella planetaria. In una casseruola cuocete a fuoco vivo l’acqua e lo zucchero fino a raggungere 120 gradi (appaiono delle grosse bolle). Ritirate la casseruola dal fuoco e accendete la planetaria su velocità medio-bassa, e cominciate immediatamente a versare lo sciroppo a filo, quindi aumentate lievemente la velocità e lasciate girare. Intanto strizzate la gelatina e mettetela nella pentola dello sciroppo ormai vuota. Dovrebbe fondersi senza tornare sul fuoco, visto il calore residuo della casseruola. Versatela nella planetaria e unite lo zafferano. Lasciate girare a lungo, circa 20 minuti, e comunque fino a quando il preparato è a temperatura ambiente. Versatelo nella teglia preparata e conservate al fresco per 24 h. Tagliate i marshmallow a cubi e cospargeteli di zucchero a velo. In frigorifero si conservano una settimana.

guimauve

Condividi:


24 commenti a “Marshmallow allo zafferano

  1. Non avevo mai pensato che si potessero realizzare in casa, alla fine vedo sempre che in ogni angolo c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare!
    Le foto sono veramente belle, complimenti!

  2. Non ho ancora provato i marshmallow con gli albumi, ma solo con lo sciroppo montato…dopo un pò si seccano anche questi e perdono la morbidezza?

  3. Che bella tonalità pasquale :-) Si lo so, siamo ancora in quel di Carnevale, ma mi basta uno sprazzo d’aria più lieve per sentirmi in primavera :-p !
    Pensi che la gelatina in fogli si possa sostituire con l’agar agar? Se si, in che quantità? Non che io abbia nulla contro la gelatina, si tratta di semplice curiosità…

  4. Sono rimasta a bocca aperta…meravigliosi…e i tuoi scatti li valorizzano tantissimo! Io amo lo zafferano, col suo giallo degno di Van Gogh, e il suo profumo caldo e penetrante…anche l’Artisan Parfumeur ha un profumo a base di Safran che è una vera chicca…l’hai mai provato? Complimenti, Kja….Ah…che zafferano hai usato, se me lo puoi dire? Io uso da sempre il Tre Cuochi, che è davvero potente…me lo decantava la mia nonna, e ormai mi ci sono quasi affezionata! Un abbraccio :-)

  5. la ricetta è interessante, ma gli albumi si cuociono? io sono allergica all’uovo crudo e se li volessi rifare forse sarebbero veleno per me…

  6. che tentazione, che gola …. quoto monique, senza planetaria? niente marshmallow?? :-( …. allora me li devi spedire :-)

  7. wow! io non ho mai amato i marshmallow, forse perchè fin’ora ho provato quelli del supermercato, che sembrano di gomma…
    Questi però devo dire che invece hanno un ottimo aspetto, e non direi di no ad un assaggio! sarà il colore, sarà la foto che è davvero bella, non so.. cmq complimenti! :)

  8. e’ da tempo che voglio provare a fare la copertura per le torte con i marshmallow, ora vedere che si possono fare in casa mi fa ovviamente venire voglia di cominciare il processo produttivo dalle origini,….(no, non voglio ancora allevare galline :))

    Secondo te uno sbattitore alla prima velocita’ (che e’ sempre abbastanza veloce) farebbe un lavoro simile a quello della planetaria?

  9. cara, sei terribilmente chic e mi piaci un sacco!
    io no avevo visto l’altro tuo post e non immaginavo che i suddetti SI POTESSERO PREPARARE IN CASA (pardon per l’ignoranza), insomma pensavo che fossero qualcosa tipo da produrre con gli scarti di produzione del petrolio, o qualcosa del genere, ED INVECE SONO VERI!!! Devo assolutamente farli per la sorellina!
    grazie, sono ancora basita….

  10. Sono bellissimi! a
    nche se non hanno fatto parte della mia infanzia penso che in questa versione così sofisticata debbano far parte della mia età adulta…
    Gazie e complimenti davvero.
    PS a quando una versione con il pepe di Sichuan?

  11. Ahimè non possiedo una planetaria ma, memore dei guimauves fatti in casa che ho assaggiato in una piccola pasticceria di Bordeaux, me la sono fatta prestare dallo zione che ne ha una professionale! Ebbene sono venuti una meraviglia! E sono facili da fare! Grazie per questa ricetta che sogno fin da bambina! P.S.Io li ho fatti aromatizzati alla vaniglia, poi divisi in due stampi, uno l’ho farcito con lamponi freschi e nell’altro un po’ di cioccolato fuso!!! Il cibo degli dei!!!

  12. una precisazione: i fogli di gelatina sono quelli da 2 o da 5 grammi? immagino da de, ma vorrei la conferma. gtazie

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *