Marshmallow al piment d’espelette

guimauve
Il marshmallow era da un bel po’ che volevo provare a farlo, anche perchè da bambina l’adoravo per la sua consistenza morbida. Dopo aver letto le varie ricette mi arrestavo sempre davanti all’assenza di un oggetto, la planetaria, fondamentale per la realizzazione di questa benedetta meringa italiana, croce e delizia della sottoscritta.
Forse qualcuno ricorda che una paio di mesi fa ho comprato on line la planetaria kitchenaid. La ricezione non è stata ovvia, visto che a Parigi stavamo cambiando di indirizzo, e io ero spesso in Italia per causa di forza maggiore (sapete che nel 2008 c’erano persone che non accettavano la mail come forma di comunicazione?!), ma lo staff di kookit è stato disponibilissimo e alla fine, qualcosa come il 13 dicembre ho avuto tra le mani il robot in questione. Seguita la settimana di venerazione passiva in cui osavo solo guardarla (ma io faccio sempre così anche con la macchina fotografica l’anno scorso; mi vergogno a dire quanto è durato il periodo di venerazione in quel caso) mi sono decisa per la prima ricetta, questi marshmallow al piment d’espelette, un’altra ricetta incredibile di Bruno Viala.
La dolcezza e la morbidezza del marshmallow, unite alla piccantezza di questo peperoncino pregiato hanno creato un connubio riuscitissimo. Se non amate il sapore piccante sostituite il peperoncino con un’altro aroma (acqua di rose, vaniglia, matcha…)

Marshmallow al piment d’espelette

per 400 g di guimauve

gelatina 6 fogli
zucchero 270 g
acqua 75 g
albumi a temperatura ambiente 4
piment d’Espelette 2 cucchiaini

Oliate un contenitore, foderatelo di carta da forno,facendola aderire bene e oliate anche quella. ( io ne ho usato uno di 33 x 12 x 4 cm)
Ammollate la gelatina nell’acqua fredda. Mettete gli albumi nella planetaria. In una casseruola cuocete a fuoco vivo l’acqua e lo zucchero fino a raggungere 120 gradi (appaiono delle grosse bolle). Ritirate la casseruola dal fuoco e accendete la planetaria su velocità medio-bassa, e cominciate immediatamente a versare lo sciroppo a filo, quindi aumentate lievemente la velocità e lasciate girare. Intanto strizzate la gelatina e mettetela nella pentola dello sciroppo ormai vuota. Dovrebbe fondersi senza tornare sul fuoco, visto il calore residuo della casseruola. Versatela nella planetaria e unite il piment d’espelette. Lasciate girare a lungo, circa 20 minuti, e comunque fino a quando il preparato è a temperatura ambiente. Versatelo nella teglia preparata e conservate al fresco per 24 h. Tagliate i marshmallow a cubi e cospargeteli di zucchero a velo. In frigorifero si conservano una settimana.

guimauve3

Condividi:


21 commenti a “Marshmallow al piment d’espelette

  1. mmmh, che buoni che devono essere, io adoro i marshmallow… ma nn sono ancora riuscita a provare a farli proprio causa assenza della planetaria, che però forse dovrebbe arrivare presto (confidando nella mamma o nella nonna!)
    Ho provato i tuoi tartufi al cardamomo e sono venuti deliziosi, proverei anche quelli alla fava tonka se solo riuscissi a trovarla, uffa… le tue ricette cmq sono sempre meglio!!

  2. Tanti auguri innanzitutto carissima sognatrice! è molto da food design questa ricetta! quando troverò un giorno gelatina adatta a me proverò! un bacione
    f

  3. Sembrano veramente buoni!
    Io ho appena comprato casa e sto investendo in robot da cucina e appena li avrò tra le mani comincerò a sbizzarrirmi!!!
    ho letto tempo fa il tuo post sulla pulizia dei carciofi e avrei un consiglio!Mia suocera i gambi non li butta ma li fa a rondelle e li usa per il risotto e sono una vera delizia! Anche perchè hanno un sapore molto più delicato del carciofo stesso!
    ti consiglio di provarli!!!

  4. Evviva! Allora la planetaria è tua! Te la meriti: sono proprio contenta…per te, perchè avrai un validissimo aiuto in cucina…per me perchè chissà quante splendide ricette riuscirai a realizzare e a postare, tutte per la gioia immensa della sottoscritta e di noi tutti! Viva Kja, e viva KitchenAid! …Viva, insomma… Il Pranzo di Babette! Baci 😀

  5. Pennyw
    grazie, che carina che sei :)
    ho altre varianti dei tartufini in serbo, ma la fava tonka secondo me si puo` trovare on line, sai?

    Nina
    buon anno anche a te, invocatrice di sogni.
    Non esistono delle gelatine garantite gluten free?

    Cookie
    grazie per il suggerimento, mia madre un po’ di tempo fa lo faceva poi la cosa era caduta in disuso, ma la prossima volta me ne ricordero` :)

    Romy
    grazie, mi fai arrossire, sai? :)

  6. Fino ad oggi ho assaggiato quelli alla fragola e quelli al Matcha e li ho trovati particolarissimi.
    Ricordo quando da bambina li acquistavo sempre presso la stessa bancarella in occasione della festa patronale del mio paese.
    I tuoi mi sembrano molto raffinati e hanno una bella consistenza. Graziosissima la seconda fotografia.
    Ben tornata e buon inizio :-)

  7. Mio dio che belli, che belli, che bello! Un ottimo modo per iniziare l’anno in bellezza 😉
    Peccato non avere la planetaria… Delle volgarissime fruste elettriche potrebbero sopperire alla mancanza, anche lontanamente?

  8. Carissima, innanzitutto tanti auguri, e poi tanti “grazie”, perchè con questa guimauve mi fai tornare a quel “pain de sucre” che mi hai fatto scoprire omrai un pò di tempo fa, e a tutti i deliziosi marshmallows che gustavo nelle passeggiatine parigine. Ti abbraccio forte!

  9. Dio che buoni che sono questi marshmallows (sì, ho avuto l’onore, la fortuna, l’immensa felicità di assaggiarli, ora invidiatemi pure)… Anche io sono rimasta esterrefatta quando mi hai detto di averli fatti in casa, ormai mi aspetto qualunque cosa 😉 Sì, questi hanno un gusto eccezionale, intriganti, non stucchevoli, complessi. Manca solo la planetaria, mi sa che farli con l’impastatrice da 5 kg non è il caso, fosse solo per il braccio metallico enorme che si ritrova!

  10. Nooooo…mannaggi, i marshmallows non li ho mai potuti soffriree!! Anche se questi devo dire sembrano avere una consistenza meno plasticosa di quelli delle fiere… La foto comunque è BELLISSIMA e quel cucchiaiono col manico a cuore semplicemente celestiale!!!!!!!!

  11. Il sapore e la consistenza dei marshmallows non mi sono mai particolarmente piaciuti. Ma trovo assolutamente incredibile che tu li abbia fatti in casa … e così perfetti poi.
    Qui in Germania mi ha sempre affascinato vedere come i bambini infilzano dei marshmallows su bastoncini di legno e poi li grigliano sul focolare!

  12. Acilia
    mi fa piacere averti risvegliato un ricordo cosi` bello. Anche io li adoravo ma li compravo piu` prosaicamente al supermercato. Spero di riuscire a farti assaggiare questi, la piccantezza e` lieve :)

    denise
    proprio cosi` 😉

    Fra
    Lo ero anche io fino a poco tempo fa, ma se hai una piccola impastatrice magari…

    Lilium
    grazie cara :)
    Guarda io ci avevo anche pensato a farli con le fruste e in effetti il problema di avere le mani libere per versare lo sciroppo si puo` aggirare arruolando un aiutante. La cosa che mi lascia in dubbio e` il fatto che il motorino delle fruste non ce la faccia a lavorare 20-25 minuti senza avere problemi. Magari puoi dimezzare le quantita` e fare un test :)

    Mi
    rosso rosso! Del resto la cucina e` rossa 😉

    Silvia
    carissima! Auguri ma soprattutto benvenuta nel mondo dei blogger! Sono contentissima che tu ne abbia aperto uno: anche se ci sono pochi post gia` fluisce il tuo tocco elegante, ovattato e creativo.
    un bacio!

    Maricler
    Esagerata! uhm, forse e` un po’ grande, ma nel caso decidessi di fare un marshmallow party le dimensioni sarebbero perfette :)

    Alessandra
    grazie, si, anche io amo quel cucchiaino 😀
    Ma questi sono da assaggiare, sai? Sono molto piu` soffici e non gommosi!

    Twostella
    si e anche riuscito, Bruno viala propone delle ricette incredibili.

    Comida
    grazie, sei sempre carinissima :)

    Romy
    arrivo!

    Alex
    mi fai venire in mente una vignetta delle giovani marmotte in cui Qui, Quo e Qua fanno esattamente quelloc eh mi descrivi, deve essere bello vederlo dal vero!

    Marina
    Concordo e` quel tipo di cosa che stimola la golosita` :)

  13. io li ho fatti e rifatti un po’ di tempo fa e pure postati ma la tua ricettina stravagante mai e quindi andrà provata! mi fa sorridere la venerazione di cui parli qd si ha per le mani un oggetto nuovo da capire e conoscere.. ne so qualcosa pure io!
    bello il contrasto di colori delle foto, brava come sempre! ciao kja!

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *