Tea time

La prendo per i capelli Twostella (chissà se gli ha lunghi?!), ma è per un buon motivo, voglio infatti partecipare al suo Afternoon tea Award e oggi è l’ultimo giorno per farlo.
Il dulce de leche posso dire che sia stata la mia scoperta del 2008, a meno che non salti fuori qualcosa di altrettanto goloso, duttile e stuzzicante in questo mese. La variante al matcha me l’ha suggerita Maricler. Durante uno scambio di mail in cui si parlava dell’ottima confettura di latte e matcha di Aoki, Maricler mi aveva rivelato un suo intimo pensiero:”ma perchè la crema non ce la facciamo in casa?”. La mia idea è stata di correggere il dulce de leche con l’amata polverina verde e il risultato è stato notevole.
Ma torniamo al tea time. Penso che proporrei queste cocottine e i biscottini accompagnandoli con il the des moines di Palais des thes, un misto di verde e nero particolarmente riuscito e il jasmine mao feng di Biblioteq. L’anno scorso Ida me l’ha fatto scoprire e non le sarò mai abbastanza grata. Ha un’intensità e un profumo incredibili. In alternativa offrirei un tè lavorato sempre al gelsomino. Ha l’aspetto di un bocciolo e quando si apre, a contatto con l’acqua bollente, fiorisce rivelando dei petali rosa acceso. Ho visto questo tè la prima volta due anni fa nel film Marie Antoinette della Coppola, e ho subito desiderato averlo. E forse proprio di questo film, che ha una fotografia e un’ambientazione che toglie il fiato, mi piacerebbe parlare durante il mio tea time, che sarebbe rigorosamente al femminile.


Cocottine con dulce de leche e frutta

Dulce de leche
matcha
tè aromatizzati
banana 1
mela 1

Pasta frolla
250 g farina
125 g burro
1 uovo
100 g zucchero
sale fino un pizzico

Tagliate il burro a pezzettini. Quando si è ammorbidito unite lo zucchero e il sale, quindi l’uovo e quando è amalgamato versate la farina. Mescolate velocemente, formate una palla e conservate la pasta in frigorifero per un’ora. Preriscaldate il forno a 190 gradi. Stendete la pasta frolla allo spessore di mezzo centimetro e foderate gli stampini di pasta. Bucherellate la pasta con i rebbi di una forchetta. Foderate ogni stampino con un pezzetto di carta da forno e depositatevi dei ceci secchi. Cuocete per 10-12 minuti. Sfornateli e fateli raffeddare. Guarnitene metà con il dulce de leche, una fettina di banana e un pizzico di cannella, e i rimanenti con il dulce de leche al matcha, fettine di mela e un pizzico di matcha.

Dulce de leche al matcha
Pesare 100 g di dulce de leche e mescolarli con 2 cucchiaini colmi di matcha, mescolare bene e scaldare qualche minuto a bagnomaria.


Frollini al tè

 


pastafrolla
tè aromatizzati
zucchero

Per ogni etto di pastafrolla misurate 2 cucchiaini di tè del tipo preferito, io ho scelto di fare due varianti: jasmine mao feng, un meraviglioso tè verde al gelsomino e un tè verde molto agrumato. Riducete in polvere il tè nel frullatore o tritatelo finemente con la mezzaluna. Incoporate la polvere alla pastafrolla, mescolate rapidamente, date all’impasto la forma di un rotolo di 3 cm di diametro e ponetelo in frezeer per 5 minuti. Ripetete eventualmente l’operazione con un altro tipo di tè. Tagliate dal rotolo delle fette spesse 1 cm e posatele sulla teglia ben distanziate. Spolverate di zucchero. Cuocete in forno caldo a 190 gradi per 12 minuti circa.

(metà della pastafrolla che si ottiene con queste dosi basta per fare circa 14 cocottine e 30 biscottini; l’altra metà potete metterla in freezer. Quando vi occorre trasferitela la sera prima in frigorifero)

Condividi:


25 commenti a “Tea time

  1. Elegantissimo, pasticcini di frolla e tartellette vanno a nozze con una tazza fumante di prezioso tè!
    Approvo anche la scelta cinematografica, come la tua proposta, capace di leggere la tradizione ma dall’anima contemporanea.
    Ti ringrazio e ti aggiungo al più presto alla lista degli ospiti! Bacione
    p.s. sì, ho i capelli lunghi :-)

  2. Fantastico, a questo punto devo vedere Marie Antoniette 😉
    Sono molto felice che tu mi assecondi nelle idee scellerate sulla cucina (e che tu riesca a realizzarle in maniera sempre elegante e fantasiosio)
    a presto!

  3. quel vassoio di tartellette è troppo invitante! la sola vista dell’immagine di testa mi ha folgorata adesso vado a leggere il post
    sei bravissima!

  4. questi colori e questa chiccosa atmosfera rarefatta obbigano a restare in silenzio e ad avvicinarsi in punta di piedi… per saccheggiar l’intera alzatina! 😉

  5. Duloche de leche al matcha…..fortuna che sei arrivata in tempo (piu’ in corner di me!), perche’ questi pasticcini sono deliziosi e composti con l’armonia di cui sei capace tu!

    Mi piacciono tanto tutte le varianti :)) baci!

  6. Veramente uno splendido teatima…elegante, raffinato e delicatamente goloso. Condivido completamente la scelta dei tè
    Un bacio e buona settimana
    FRa

  7. Kja, aspettavo con ansia la tua risposta all’iniziativa di Twostella, perchè….perchè sapevo già che sarebbe stata così : specialissima! L’idea del tè del film Marie Antoinette mi ha fatto venire la voglia di vederlo: mi piacciono tanto, i film in costume! Ti abbraccio forte

  8. ciao, è gia da un po’ che ho scoperto il tuo stupendo blog, ma non avevo ancora inserito nessuno commento.
    Vorrei ringraziarti per tutti gli indirizzi di parigi che hai consigliato; sono tornata proprio ieri da questa fantastica città e ne ho provati alcuni… altri purtroppo li ho trovati chiusi, come la charlotte en l’ile, che apriva tardissimo e minamoto kitchoan che invece ha proprio chiuso i battenti. Mi sono piaciuti in particolare pierre hermè, che conoscevo gia e aoki, dove avevo comprato proprio la confettura di latte e matcha insieme a moltissimi macaron da portare a casa. Purtroppo però l’avevo dimenticata nel saccheto insieme ai macaron che non potevo mettere certo in valigia e me l’hanno sequestrata al controllo passaporti…. che tristezza… nn sono neanche riuscita ad assaggiarla uffi! Ti ringrazio tantissimo quindi anche per questa ricetta, proverò subito a farla per cercare di avere un’idea del gusto che aveva la confettura di aoki! continua a scoprire nuovi posti fantastici da suggerirci!

  9. Nina

    grazie cara :)

    twostella
    era una proposta molto carina e ci tenevo a partecipare, scusa se un po’ all’ultimo.

    Maricler
    E come non coglierla? Era una bellissima idea e per fortuna che avevo ancora qualche cucchiaino di matcha :)

    Ida
    grazie, come avrai letto alcuni dei biscottini sono aromatizzati con il prezioso jasmine mao feng che mi hai fatto scoprire tu e che adoro :)

    Marili`
    grazie :**

    Cobrizo
    :DD
    Ottima strategia!

    Elvira
    grazie, avevo visto che anche tu eri come me un po’ sul filo dle rasoio e ho pensato “meno male che non sono l’unica” 😉

    Fra
    anche tu appassionata di gelsomino? Per me e` imbattibile e se rimango senza… Apriti cielo 😉

    Romy
    grazie, ma che carina che sei :)
    Era un po’ che rimuginavo e poi mi e` venuta questa idea . Marie Antoinette e` bellissimo secodo me, devi vederlo assolutamente.

    Pennyw
    ciao e benevenuta! Mi fa piacere che i miei consigli su Parigi ti abbiano ispirato, ma trovo uno scempio il fatto che ti abbiano sequestrato la confettura di Aoki :(
    Immagino il dispiacere, ma queste scene sono all’ordine del giorno purtroppo. Ho visto sequestrare un’intera trousse di chanel una volta, creme e mascara inclusi. La signora quasi si metteva a piangere. E La crema di aoki non e` da meno!
    Tornero` a Parigi a breve, ho gia` una serie di posti da provare 😉
    Guarda al limite l’unica pecca della crema era che era un po’ liquida, mentre partendo dal dulce de leche si ottiene una maggior densita`.

  10. Ciao Kja!
    Guardando la confettura di Aoki a me era venuta l’idea di mettere il matcha fin da subito nella preparazione del dulce, mescolandolo con lo zucchero… Cosa ne dici?

    A presto :-)

  11. campanellino
    grazie, un paragone che mi arrossire di piacere :)

    Lilium
    ciao! Mi chiedevo, ma ti chiami per caso Liliana come la mia mamma? :)
    Guarda il matcha e` delicato, secondo me e` un peccato cuocerlo cosi` a lungo, mi sembra di stressarlo, poverino.

  12. Lilium
    beh non ti chiami come la mia mamma…Ma come la mamma del mio ragazzo 😉

    Alex
    grazie cara, sappi che tu per sei una fonte di ispirazione

    :*

  13. allora devo dire che sono ignorante in materia di tè, matcha e chi + ne ha più ne metta… però il film della coppola mi è piaciuto tantissimo… conosco a memoria la colonna sonora ( se non la conosci ti consiglio di comprartela perchè è da sentire)… e ricordo il particolare del tè al gelsomino che se non sbaglio le viene regalato dall’imperatore della cina… o una cosa simile! Cmq ho una richiesta da fare… perchè non ci fai un riassunto di tutti i tè che conosci, della loro storia… di come si preparano… e magari se anche noi comuni mortali, relegati in paesi remoti, possiamo comprarli in qualke modo… ti ringrazio anticipatamente. ciauz M

  14. Asbel
    oddio anche io adoro la colonna sonora e ti diro` in questi giorni continuo a rivedermi questo

    http://fr.youtube.com/watch?v=cLJ1vuUWprA

    Guarda e` molto interessante quello che mi chiedi, magari potrei parlare di una decina di te` quelli che mi piacciono di piu`, prossimamente faccio il post :)

    Valentina
    ciao e benevenuta. Grazie, sei molto carina :*

  15. la mia canzone preferita dell’album è “plainsong” – the cure… che corrisponde alla scena dell’incoronazione… ma la parte che preferisco è la fine… quando i protagonisti guardano l’alba e il viale dei tigli… e soprattutto il frame finale… stupendo! ( ma anche new order, the strokes… tutto ahaha)

  16. Ciao! è la prima volta che passo dal tuo blog3e ti faccio i miei più grandi complimenti! è davvero bellissimo! Ti scrivo riguardo al tè di Marie Antoinette di cui parli sopra…anche a me piacerebbe tantissimo provarlo, sono un’appassionata di tè, ma quello non sono proprio riuscita a trovarlo…sai dirmi come posso procurarmelo? Ti sarei davvero grata! A presto-sicuramente ripasserò! :) -Viola

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *