Cheesecake di pasta phillo e feta con miele e fichi

Questo cheesecake è un po’ diverso da tutti gli altri che ho pubblicato. Non contiene zucchero ma si serve con miele e fichi e secchi che apportano la componente dolce. L’ispirazione per la ricetta, viene dal mio quaderno di ricette, che ho arricchito fedelmente di ritagli e appunti fino all’apertura di questo blog.
Poi il quaderno è diventato più che altro di consultazione, o al limite vi ho ricopiato delle ricette del mio blog per renderle piu` accessibili a mia mamma.
Ora invece che ritagliare tendo a strappare la pagina intera che mi interessa e infatti ho dei mucchi di carta inimmaginabili che mia madre dispera ormai di vedere messi in ordine. :)
Questo cheesecake si può servire come antipasto, o come dessert insolito e disimpegnato.

Cheesecake di pasta phillo e feta con miele e fichi

ricotta 250 g
feta 180 g
uovo 1
pasta phillo 1 confezione
burro 120 g
fichi secchi
miele

Preriscaldate il forno a 180 gradi. Mescolate la ricotta e la feta sbriciolata, unite il tuorlo, regolate di sale e pepe. Fate sciogliere il burro molto dolcemente. Contate i fogli di pasta phillo presenti nella confezione e divideteli a metà. Stendete su una teglia un foglio di pasta phillo, ungetelo su tutta la superficie con un pochino di burro fuso, sovrapponetevene un altro e continuate così fino ad esaurire una delle due parti. Ripetete l’operazione con i fogli di phillo restanti, ponendo i fogli su un pezzo di carta da forno. A questo punto suddividete la crema di formaggio tra i due rettangoli, ponendola bene in centro per tutta la lunghezza. Chiudete ciascuno dei rettangoli facendo aderire bene i bordi spennellati di burro. Otterrete due rotoli lunghi e stretti. Trasferite quello posto sulla carta da forno facendolo scivolare delicamente sulla teglia insieme all’altro. Spennellateli di burro se ne rimane. Cuocete per 40 minuti. Servite tiepido o freddo con fichi secchi e miele.

Condividi:


24 commenti a “Cheesecake di pasta phillo e feta con miele e fichi

  1. Ma è semplicemente buonissimo…con i formaggi che adoriamo, poi i fichi secchi (di cui siamo ghiottissime) e il miele che stiamo praticamente usando ovunque!!
    Peccato che non riuscimao proprio a trovare la pasta fillo….anceh se è veramente da tanto che la stiamo cercando..in caso, questa sarà una delle prima ricette che faremo!!
    bacioni

  2. é un po’ che seguo questo blog e ti volevo fare i miei complimenti perchè è veramente straordinario!
    Ricette interessanti, foto bellissime e soprattutto spettacolari le recensioni e i racconti sulle tue esperienze a Londra e a Parigi! Mi hai fatto venire una voglia incredibile di visitare queste due città…
    Ancora complimenti!

  3. ma tesoro mio..ti sembra giusto postare una foto così ..come ti spiego? 😀 da leccare lo schermo! accidenti ha un aspetto meraviglioso ! uffa ! 😀 non è giusto! ma quand’è che vieni a trovarmi eh? bacio tesoro!
    Silvia

  4. Sembra di sentire la croccantezza della phillo affondare nella cremosità del formaggio! E la fluidità del miele non può non esaltare questa sensazione, che deve ricordare un po’ quella data dalla degustazione delle seadas artigianali.. I fichi secchi poi completano l’armonia di questa specialità così irrevocabilmente mediterranea :-)

  5. Manu e Silvia
    io la pasta phillo la trovo surgelata al supermercato… non saprei dove altro provare, ma si può fare anche con la pasta sfoglia se volote assaggiare la ricetta :)

    Elisa
    grazie e benvenuta! Ma che belle parole, sono felice di averti trasmesso il desiderio di visitarle :)
    un bacio

    Silvia
    grazie cara :)
    e dire che è fatta con la macchinetta vecchia, ma il rivolo di miele concordo che attira 😉

    Lilium
    ma pensa che proprio ieri sera ho mangiato delle seadas che avevo portato dalla Sardegna, ma non avevo fatto l’associazione, assolutamemente doverosa 😉

  6. Questa mattina ho fatto colazione con pane, ricotta di un piccolo e meraviglioso caseificio qui vicino e marmellata di fichi fatta in casa…il connubio è speciale!

  7. delizioso! sono stata proprio quest’estate in grecia, nel peloponneso e ho apprezzato tantissimo tutti i dolci e le torte salate ripiene e delicate che i ns amici greci sanno preparare. a mio avviso poi, a differenza della sfoglia che quando si raffredda perde parte della sua fragranza (ah! il profumo del burro) la pasta phillo proprio a temperatura ambiente raggiunge il suo apice di gusto e croccantezza.. per non parlare del giorno dopo! super ricetta, proverò anch’io! ciao!

  8. ..troppo ok ! da fare e pappare subito,si si mi stuzzica molto.. (ma al posto della ricotta se ci metto il fior d latte o primo sale va bene lostesso?)…. ciau ciau :)

  9. Assolutamente originale!
    Ma come ti vengono certe idee…
    Trovo che questa preparazione sia fantastica e dato che la feta in casa mia non manca mai lo proporrò alla prossima cena che darò!

    Nadia – Alte Forchette –

  10. Dio mio, Kja, perchè mi tenti così? Quando ho visto la foto l’acquolina ha cominciato a salire a livelli preoccupanti…un dolce tutto da provare…bravissima!

  11. …della serie, come utilizzare quel rotolo di pasta phillo che gironzola in frigorifero da qualche tempo! :-)
    Mi piace molto l’abbinamento feta, fichi, miele…
    A presto..
    Sere

  12. questo sul serio fa venire voglia solo a leggere le parole…miele fichi e feta. Ho solo il primo ingrediente, mi mangio le dita..

    bacio, notte
    F

  13. …i fighi li adoro..
    peccato che durino così poco, tutti gli anni rischio di fare indigestione…
    il cheesecake con la feta poi mi ispira moltissimo…. so cosa portare al pranzo di famiglia di domenica..
    ciao francesca

  14. dev’essere squisito… i fichi ahimé qui son finiti, ma ho sempre la mia scorta di fichi canditi e marmellata :)
    ah, ho pubblicato la raccolta di ricette anni ’80! ovviamente ci sei anche tu 😀

  15. Serena
    sono invidiosissima della tua colazione, sai? :)

    Ste
    uhm fiordilatte è una specie di mozzarella, no? no, direi di no, invece ci vedo bene il primo sale :)

    Francesca
    i fichi li amo molto anche io, quelli secchi li ho un po’ scoperti con questo cheesecake, sai?
    un bacio

    C.

  16. mi ricorda una versione della bougatsa greca che ho assaggiato la settimana scorsa a Rodi e che ho trovato deliziosa, cercavo qualcosa di simile ed eccomi qui :) ciao!

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *