Pesche alla vaniglia

Queste pesche le ho fatte più di una volta durante il mese di luglio. Continuavo a leggere ricette di pesche e albicocche cotte in sciroppi profumati di fiori e spezie e dopo aver un po’ fantasticato su accostamenti eclettici in realtà ho scelto di fare una versione piuttosto classica. Aromatizzate con una stecca di vaniglia, le pesche si sono abbigliate di una veste sbarazzina a pois neri che le ha rese ancor più invitanti.
Io ho usato delle pesche noci bianche e gialle e ho trovato che entrambi i tipi si prestassero, scegliete pure in base ai vostri gusti e alla disponibilità del mercato.

Pesche alla vaniglia

zucchero 170 g
vaniglia una stecca
pesche bianche 6

Lavate e asciugate le pesche. Ponete lo zucchero in una pentola grande a sufficienza per contenere le pesche in un unico strato e aggiungete 900 ml di acqua. Con un coltello affilato incidete a metà la vaniglia e aggiungetela. Fate cuocere a calore basso fino a quando lo zucchero si è sciolto, quando cominciano a formarsi delle bollicine alzate a calore medio e unite le pesche. Cuocete per 8 minuti girando i frutti dopo 4 minuti per avere una cottura uniforme. Prelevate le pesche con un mestolo forato e tenetele da parte per farle raffreddare. Con un cucchiaino fate scivolare fuori i semi dalla stecca di vaniglia e rimettetela nella pentola. Continuate a cuocere a calore medio-alto fino ad ottenere uno sciroppo leggero. Togliete la pentola dal fuoco e fate raffreddare. Sbucciate le pesche e ponetele in una ciotola. Copritele con lo sciroppo intiepidito. Servitele fredde o a temperatura ambiente eventualmente con dello yogurt greco.

Condividi:


15 commenti a “Pesche alla vaniglia

  1. …sarebbe piacevole lasciarle sciogliere sul palato…assaporare la pesca, lasciare andare la vaniglia. Il cibo può aiutare a sorridere…Ciao Chiara, eccomi di nuovo qui!Ma non ho mai smesso di leggerti!
    Serena

  2. Caspita ma che foto fai tu?? Complimenti davvero!
    Amo le pesce in tutte le salse e questa ricetta mi fa venire l acquolina in bocca! :-)

    Io le avevo provare aromatizzare con alloro e vino bianco… buonissime!

  3. ciao,passo di qui per ringraziarti per la tua “guida su londra”..prima di partire ho fatto un giro in internet ed ho “beccato”il tuo sito..grazie a te ho scoperto questo luogo meraviglioso a portobello road..GAIL’S..
    è diventata la mia meta giornaliera per la colazione e annesso panino per la pausa pranzo!..i migliori muffin di londra almeno per quanto mi riguarda!

  4. Semplici e, sono sicura, buonissime, come tutte le tue ricette. Ho appena letto anche il post che precede questo…che voglia di tornare a Parigi!!! E ,ora che ci penso…CHE VOGLIA DI TORTAAAAAA!!!!! Baci baci: sei sempre più in gamba! :)

  5. Conoscerai senz’altro la ricetta piemontese delle pesche ripiene. Io la adoro!. (Mezze pesche ripiene di polpa di pesca, amaretti, pezzettini di mandorle e cioccolato fondente e passate al forno).
    Aromatizzate devono essere un dessert leggero e superbo!
    Chissà se le si può aromatizzare e poi utilizzare per farle farcite? Rimangono sufficientemente compatte?

    Dimenticavo: saluti al PrinceFilosoficusLeo!
    :)

  6. …a me piacciono tantissimo le pesche bianche. “belle le foto!! e’ stupendo anche quel piattino in primo piano” … ciao. :))

  7. kya carissima, non sò perchè, ma quest’anno le pesche sono particolarmente deliziose, mi ricordano i “perseghitt de vigna” che i nostri nonni coltivavano nelle loro campagne. Avevano un aroma delizioso, peccato che quelle piante siano scomparse.
    Ho preparato una torta con le pesche proprio una bontà, appena trovo un accostamento ne parlerò.

    ciao

  8. Anche a me piacciono molto le pesche cotte e la frutta cotta in generale, mi fanno ritornare bambino. La vaniglia dà proprio un bell’effetto.

  9. Serena
    che bello vederti riapparire
    sono felice di essere tra le tue letture :)

    veronica
    benvenuta , sono felice di esserti stata utile, ultimamente questa guidina di londra furoreggia 😉

    romy
    grazie! ma guarda sono molto buone secondo me quanto alla semplicita` basta dare un’occhiata alla ricetta per averne conferma 😉

    Grazia
    ciao!! guarda io facevo una ricetta simile ma al posto della polpa della pesca mettevo la ricotta e mi piacevano assai devo dire. No, cuocendole restano piuttosto morbide e sottoporle ad un’altra cottura non so ma mi sembra di vittimizzarle 😉

    Ste
    grazie! Questi 3 piattini marocchini li ho appena presi in un mercatino e ne sono innamorata 😉

    at last but non least
    Much the envious cow
    e dico cosi` perche` secondo me sei rimasto senza parole quando io ho rivelato di aver sfoderato capacita` e risorse da idraulico in erba. E ora non ti resta altro che fare battutine e dire quisquilie
    :PPP

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *