Cocktail di gamberi

Il tema del meme proposto da Salsa di Sapa è la cucina in stile anni ’80 e ’90. Io all’epoca non è che cucinassi granché ma mangiare, mangiavo eccome. Il cocktail di gamberi lo adoravo, e lo dimostravo ingollandone quantità ingenti accompagnando con tanto pane. Mia madre lo metteva nella nuda coppetta ma talvolta, in occasioni speciali, tipo a Natale, guarniva con una foglia di lattuga. Non l’ho mai fatto una volta in vita mia e questa non fa eccezione; è così bello trovare la terrina in frigorifero sollevare un angolino della pellicola e assaggiarne un cucchiaino di frodo!
😉

Mia madre fa la salsa rosa “a occhio”. Potrebbe essere necessario unire altro ketchup alla fine, dipende dai gusti; l’olio poi non saprei davero quantificare quanto ne usi.

Cocktail di gamberi

gamberetti sgusciati 400 g

per la salsa rosa
tuorli 5
sale
succo di mezzo limone
ketchup 3 cucchiai
salsa Worcester
olio d’oliva (non extravergine)

Mettere nel bicchiere del frullatore 5 tuorli, salarli subito e aggiungere qualche goccia del succo di limone. Unire 3 cucchiai di olio, il ketchup e la salsa Worcester. A questo punto accendere il frullatore, il composto inizierà ad amalgamarsi. Dal foro in alto unire l’olio a filo fino ad avere la consistenza cremosa della maionese, un altro indizio del fatto che la maionese è pronta è dato dal fatto che l’olio fatica ad essere assorbito e disegna un cerchio sottile. Unire il restante succo di limone sempre con il frullatore in funzione. La maionese è pronta. Versate in una terrina, unite i gamberi e conservate in frigorifero almeno 4 ore e comunque fino al momento di servire.

Condividi:


10 commenti a “Cocktail di gamberi

  1. Ciao Chiara, ti leggo da tanto ma non ho mai commentato… Mi permetto di aggiungere il mio ricordo al tuo: il cocktail di gamberi impareggiabile di mia zia, insostituibile nei pranzi di festa della nostra famiglia, va accompagnato con un filoncino di pane al sesamo caldo e croccante! Ciao e auguri per il tuo futuro.

  2. hehehehehe il cocktail di gamberi…gia’ una vera sciccheria all’epoca.. io invece sempre in occasioni speciali ricordo mio padre che adagiavia i gamberetti sull guscio delle capesante.. e poi ricordo inevitabilmete il mio piatto pieno… hihihi.. ciao buon wee :)

  3. inutile dirti quanto mi piacerebbe una bella forchettata di questa deliziosa insalata..ma tanto meno inutile è dirti quanto mi piace il bicchierino! ma com’è che mi soffermo a vedere sempre i dettagli?..bravissima un bel revival per Salsadisapa!
    bacione tesoro
    Silvia

  4. Babuska
    ciao, mi fa piacere di averti suscitato un bel ricordo, il pane al sesamo me lo segno come prossimo abbinamento!

    Twostella e Silvia
    grazie, speriamo che piaccia anche a Salsa 😉

    Ste
    no, mia madre non è mai arrivata a tale tripudio! :DD
    Se ci pensavo prima potevo cercare di procurarmele per dare alla foto un’ atmosfera vintage a tutti gli effetti. Buona settimana a questo punto :)

    Ida
    esattamente cara, immagini bene :)

    Max e ghunter
    avete ragione, soprattutto chi è molto goloso come me 😉

  5. eccomiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii 😀
    scusa il ritardo… nel week end ho aperto il pc solo di sfuggita!
    grazie mille per aver partecipato: è una ricetta “revival”! ;-D
    baci!

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *