Cheesecake giapponese al kumquat


I più attenti tra di voi avranno notato che per la seconda volta vi propongo una foto che mostra solo una fetta del cheesecake giapponese di cui vi avevo già illustrato la ricetta. I motivi sono in primo luogo di ordine stilistico, oggi ad esempio volevo rendere l’idea della colazione, avrete notato il giornale, lo so che è in giapponese e io non lo leggo, ma suvvia volevo trasmettere un pizzico di ambientazione, e marginalmente di natura pratica. Ho un dubbio. Non avrete mica pensato che non riesco a fotografare il cheesecake intero perchè è troppo buono per resistere senza mangiarne subito un pezzo?! [E poi un altro. E ancora. Oddio fermatemi!] Eh no, mi offendo, del resto si sa che sono permalosa. Anzi per confermare la mia scelta stilistica quando proverò la variante al matcha ne vedrete una fetta ancora più piccola, siete avvisati.

Cheesecake giapponese al kumquat

formaggio tipo philadelphia 150 g
burro 50 g
uova 3
zucchero 80 g
farina 40 g
latte 50 ml
kumquat 3-4

Ponete il burro e il formaggio a temperatura ambiente in una ciotola. Grattugiate i kumquat e schiacciandoli estraete il succo. Mescolate burro e philadelphia, quando avrete una crema densa ma liscia unite buccia e succo dei kumquat, il latte, i tuorli, il succo e la scorza di limome, senza smettere di mescolare. Incorporate la farina setacciata. Montate a neve ferma gli albumi e lo zucchero e incorporateli delicatamente al composto. Versate l’impasto in una tortiera di 22 cm di diametro foderata di carta oleata, quindi ponete la tortiera in una teglia da forno riempita di acqua calda e cuocete in forno caldo a 150 gradi per 55 minuti. Sfornate su una gratella per dolci.


Condividi:


18 commenti a “Cheesecake giapponese al kumquat

  1. bellla la foto , sopratutto la seconda con il giornale ed i frutti in primo piano.
    Come sei brava, anche nelle foto, io ho tanto da imparare.
    Sono un piacere per gli occhi.
    Adoro le cheese cake, anzi ultimamente l’ho bissata varie volte con i cachi. Aspetto quella con il matcha e magari nel frattempo proverò a fare questa però con semplici mandarini pugliesi. Che ne dici?
    un abbraccio

  2. Si si… bello bello… buono, peccato che qui se uno non ha agganci politici ogni volta il cheescake o lo assaggia appena appena o manco lo vede.
    Ah, comunque sulla decisione stilistica, qui a Mucchopoli insinuavano che il cheescake comlpeto avesse forme troppo obbbbbrobrise da essere immortalate altro che la tua presunta golosità o scelta stilistica!
    Jacopo

  3. foto bellissime, regalano un atmosfera essenziele pulita, armonica.

    Ho risposto affermativamente alla mail che mi hai inviato, spero che la risposta ti arrivi,dato che non ho ancora aggiornato il programma di posta che a volte funziona a senso unico.

  4. Valentina
    io sono alla ricerca di un dolce con i cachi! Hai postato la ricetta? Le foto, ti dico per esperienza, si migliorano scattandone tante. Grazie, sei molto gentile :*

    Much
    non raccolgo queste certe illazioni. E comumque fai poco il lamentoso che mi pare che alla fine ne hai visto eccome di cheesecake 😉

    Sergiott
    Ma che notizia gradevole che mi dai :)
    Mi fa estremamente piacere. Ti ringrazio per il bel commento sulle foto.

    Nini
    provale e` buonissimo! Mi incuriosiscono molto i kumquats canditi, li cerchero`.

  5. OT, finalmente mi hai fatto venire a capo di cosa volevano dire tutti quei “bubble tea” nelle liste dei bar di Boston, per via di un tuo post, forse quando eri a Parigi o a Londra. Grazie!

  6. non so perchè ma il primo chessecake giap lo avevo sottovalutato, mentre ora che rileggo la ricetta (certe volte mi ci vuole tempo che devo fa? si invecchia… ;-))mi sembra un’idea super. Qui devo mettermi incucina a provarlo.

  7. Avevo già sentito parlare di questa splendida ricetta, avevo anche intenzione di prepararla come torta del mio compleanno, però non sapendo che gusto aveva, non mi sono osata…
    Però volevo chiederti delle cose:
    1°-Siccome a me piacciono molto le mele potrei aggiungercene il succo oppure mettercene dentro un pò fatte a pezzi?
    2°-Oppure potrei tagliarla a metà e spalmare della marmellata o cioccolato?
    3°-Ma è buona o no? Cioè che sapore ha?

    Grazie mille in anticipo!

    P.s. La tazza con il gattino, che si intravede nella foto, è davvero carina! ヾ(=^・ェ・^)

  8. cara kja,
    la ricetta c’è è quella del cappucino ai cachi, e se vuoi puoi metterci sotto biscotti e burro come la base del cheese cake americano.(Guarda anche il post sulla Cena di Autunno).Altrimenti mi ricordo che cavoletto aveva una bavarese ai cachi favolosa, che ho fatto proprio un anno fa.La trovi nei suoi archivi, nei dolci.
    un abbraccio

  9. Appena mi trovo nei paraggi di un forno, voglio provare questa ricetta! Attendo con impazienza il prossimo tassello della trilogia ispirata alle cheesecakes giapponesi, quello dedicato al matcha. E chissà, magari la trilogia potrebbe diventare una ancor più vasta serie di gusti, sapori e ispirazioni da sperimentare. Brava Kja :-)

  10. Ho giusto giusto una pianta di kumquat a casa.. potrei provare l’esperienza con il cheesecake prima di vederli spiattellare al suolo… ^__^

  11. Comida
    grazie, il bubble tea la prima volta l’ho visto a NY ma non me ne sono accorta, ho capito cosa era a parigi. Ti devo dare gli indirizzi!

    Francesca
    ma sapessi che buono che e`! al momento e` il mio dolce preferito, sei hai una ventina di minuti provalo :)

    GingerbreadGirl03
    1° Guarda rimane piuttosto umido come dolce, temo che la mela ne aumenterebbe eccessivamente l’umidita` ma puoi provare, magari senza esagerare
    2°-ecco marmellata forse, cioccolato io non ce lo vedo ma non ne sono appassionata. Al limite una crema pasticcera al matcha ecco.
    3°-Ecco e` buonissima. Davvero perche` il sapore di formaggio non domina ed e` soffice soffice, umidina il giusto e non troppo dolce. Insomma secondo me la puoi mangiare anche senza farcirla e sara` eccellente. Fammi sapere.

    Valentina
    vengo subito a vederlo allora. Grazie.

    Helenared
    sei sempre cosi` carina :) Mi piacerebbe farti assagiare qualcosa che tu hai tutta questa fiducia nelle mie capacita` e non hai mai provato nulla 😉

    Nico
    con il matcha non ho ancora provato, ma non vedol’ora :)

    s.c.u.c
    ciao e benvenuta, dunque i kumquat sono dei mini agrumi, credo siano chiamati anche mandarini cinesi. Io penso che avvicinandosi il natale li puoi trovare anche al supermercato oppure in un buon fruttivendolo.

    Silvia
    grazie cara, mi spiace non potertelo preparare in loco causa appunto mancanza di forno anche se potrei sfidare la sorte e provare con il micro. Anzi magari… A prestissimo 😉

    Sere
    Cavolo, la mia invidia cresce!Avevo letto che è anche una pianta ornamentale, molto resistente pare. Confermi?

  12. Pingback: Cheesecake light di quinoa soffiata | Il Pranzo di Babette | est 2005

  13. Pingback: Il Pranzo di Babette » Blog Archive » Regali di Natale

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *