Frittelle di gamberetti

Ho letto che queste frittelle di gamberetti sono uno street food piuttosto popolare nel Sudest asiatico e quindi, attirata dall’esotismo, ho deciso di provarle. Anche perchè se aspetto di trovare la ricetta di uno street food lipomese rischio di morire di fame. Premettendo che non amo le fritture in genere devo dire che in effetti il sacrificio è valso a qualcosa in questo caso. Le frittelle di gamberetti sono davvero gustose e soprattutto non perdono di bontà se consumate fredde, il che le rende un finger food perfetto da preparare in anticipo e godere poi in compagnia. Se non temete il cibo piccante esagerate liberamente con il peperoncino, gli dona. Si prestano molto bene ad essere accompagnate con una semplice insalata verde, e se lo devo dire io, che notoriamente soffro di brividi diffusi solo al pensiero di mangiare un’insalata verde verde (lo scrivo due volte con scopo rafforzativo, per indicare che ci sono solo foglie verdi e davvero niente altro) potete fidarvi.

Frittelle di gamberetti

gamberetti g 150
mais in scatola sciacquato e sgocciolato 40 g
scalogno 1
peperoncino 1-2
aglio mezzo spicchio schiacciato
la punta di un cucchiaino di coriandolo in polvere
un uovo
sale
pepe

Tritate insieme i gamberetti, lo scalogno, il peperoncino, e l’aglio. Unite l’uovo sbattuto, il mais e il coriandolo. Regolate di sale e pepe. Scaldate abbondante olio per friggere e cuocete delle quenelle di impasto fino a quando sono dorate. Asciugate con carta assorbente e servite con un’insalata.

Condividi:


10 commenti a “Frittelle di gamberetti

  1. che belle e buone devono essere.Sono perfette per la cena con le amiche di sabato prossimo.Voglio fare un pò di tutto e tutto insieme, quindi molti finger food e bocconcini deliziosi vari.Così poi mi siedo anche io e mi godo la compagnia.
    a presto
    valentina

  2. Beh, che dire, come al solito fai promesse a vuoto come certi politici di mia conoscenza.

    Innanzi tutto diciamo pure che questo piatto è nato dall’esigenza di sfamare con degli “scarti” la leader e i suoi sottoposti.
    Aggiungiamo poi che chi ha provato a caldofreddointermedio e con n variazioni le frittelle è stato il sottoscritto.
    Chiudiamo dicendo che su mio suggerimento avevi promesso di aggiungere una variante alla ricetta veramente gustosa(e te credo): un salto nella maionese prima di farle finire in bocca!

    Mcuh ha parlato/suggerito/imposto: e maionese fu…

  3. Hmmm, buone! Queste potrei offrirle come antipasto per le mie cene tailandesi. In quanto ad antipasti sono sempre un po’ a corto di idee. Foto eccezionali, anche se mi ripeto :-) Buona settimana

  4. …e adesso dovrò provare anche queste fantastiche frittelle che attirano gli occhi e il palato!
    Eh già, perchè ho finalmente fatto il Millefoglie di gamberetti…ed è stato molto apprezzato, anche dai più piccoli! (Sebbene abbia sostituito la crema con un pesto di pistacchi di Bronte….sai ho fatto un salto da Eataly e non ho saputo resistere!).
    Cmq bravissima Kja, il tuo modo di presentare le ricette mette proprio voglia di cucinare!

  5. Qualche dritta per fare le frittelle senza friggerle:

    – frittelle bollite (le mie preferite, di solito le butto direttamente nella kettle, l’unico problema e` che si disfano durante la bollitura e viene tutta una pappetta)

    – frittelle al vapore (e` cosi` che i cinesi hanno creato i famosi ravioli al vapore – pare che il primo fosse stato un cinese che guidava la locomotiva nel 1907, la moglie s’era scordata di mettergli la friggitrice nella schiscetta e lui si arrangio` come pote’)

    – ghiaccioli di frittelle (inaugurate da Woody Allen in Provaci Ancora Sam: “ma ti cucini solo cibi precotti?” – “e chi li cucina? Io me li lecco ancora surgelati” — un effetto molto bello nel freezer: mettete una frittella per cubetto nella minighiacciaia di plastica)

    – frittelle al cartoccio (precursori del pomodorino a 18000 gradi di Fantozzi – per evitare di ustionarsi con l’interno, si consiglia di ingollarle insieme al cartoccio di alluminio)

    – frittelle stufate (diventano tenere tenere dopo circa 2’30s di cottura, molto piu` in fretta della carne bovina, un vero successo nella vita frenetica odierna)

    Ma il meglio, per un’esperienza mangiasana-filonipponica-sushikalogika totale, sono le frittelle crude (o curde, nella versione etnica)! Da provare quando si ha una fame da lupi e non si riesce ad aspettare che l’olio vada in temperatura.

  6. Valentina
    concordo, capita che fai le cene per stare con gli altri e poi sei sempre in cucina e non ti godi la compagnia. Una cena finger food a quel punto e` l’ideale.

    Much the cow
    Tu invece come certi altri di mia conoscenza giri i fatti. Non erano scarti per niente e mi pare che la truppa abbia apprezzato in ogni caso. E poi mi ero dimenticata della maionese perche` io le ho mangiate senza, scusa se non sono trash come te 😛

    Alex
    grazie , sei carinissima :)
    Wow cene tailandesi, che bellezza! Se porto io le frittelle mi inviti?! :)

    Comida
    grazie! :)

    Grazia
    mi fa davvero piacere, aggiungo la tua variante nella ricetta allora, anche perche ` mi rendo conto che Corrado Assenza non e` dietro l’angolo :(
    E ora che ci penso nemmeno eataly per me: buuuuuuu!!! (sto piangendo stile manga )

    Sere
    grazie, buon mercoledi`!

    Sciopina
    Grazie, guarda puoi provare in forno direi, magari facendole un po’ piu` piccoline direi.

    Prinfrinfrinfritt
    grazie per queste dritte sulle varie modalita` di cottura, molto ben argomentate anche, devo dire. Provero` al piu` presto la tecnica della kettle nella tua 😛

    Emanuela
    E` quello che gli dico anche io, anche perche` poi sfodera delle conoscenze storico-gastronomiche di altissimo livello :)

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *