Millefoglie di gamberi, pan brioche e crema di aneto e pistacchi

Succede che Maricler e Fabrizio vadano in Sicilia per trascorrere una vacanza costellata da pranzi e colazioni luculliane. E che al loro ritorno rechino in dono una crema di pistacchi di Bronte di Corrado Assenza, il cui nome, impresso sul vasetto, crea molte aspettative, e non le disillude. La crema ha un sapore di pistacchio indescrivibile ed è dolce come te l’aspetti: in modo assolutamente equilibrato. Dopo il primo assaggio mi si è aperto un ventaglio di possibilità nella testa ed ecco questo accostamento con aneto e gamberi, golosissimo. I virtuosi della panificazione possono farsi il loro pan brioche, io mi sono fermata alla panetteria sotto casa, con ottimi risultati.

Millefoglie di gamberi, pan brioche e crema di aneto e pistacchi

gamberoni 4
pan brioche 6 fette
aneto un mazzetto
crema di pistacchi un cucchiaino
olio evo
sale
pepe

Lavate ed asciugate l’aneto. Sgusciate i gamberoni, lavateli e teneteli in frigorifero. Ponete nel bicchiere del frullatore l’aneto tenendo da parte dei ciuffi per decorare, un pochino di olio e una fetta d pan brioche privata della crosta. Frullate, se necessario aggiungendo olio e anche un pochino di acqua. Unite un cucchiano di crema di pistacchi. Regolate di sale e pepe.
Scaldate le fette di pane sotto il grill. Intanto scaldate un pochino di olio in una pentola e cuocete i gamberoni due minuti per lato circa.
Sui piatti da portata appoggiate una fetta di pane, un gamberone, condite con la crema di aneto e pistacchi e ripete con un altro strato uguale. Decorate con un i ciuffetti di aneto. Ripetete per l’altro piatto, servite.

Condividi:


11 commenti a “Millefoglie di gamberi, pan brioche e crema di aneto e pistacchi

  1. Kja, questa la provo stasera! Ho giusto una ventina di gamberoni “tirrenici” in attesa di giudizio in freezer!..solo che dovrò provare a fare la crema di pistacchi da autodidatta …uhm, non è che ci puoi dare qualche indizio sugli ingredienti esposti in confezione? :-)
    Per il matcha, grazie delle indicazioni…io sono di Roma, vivo a Torino, vengo a Milano di quando in quando e mia sorella vive a Parigi…non dovrei avere problemi a recuperarne già nei prossimi giorni tra parenti e amici!!
    Per la segnalazione: foto e ricette sono entrambi all’altezza della proposta!!!
    Quindi, in bocca al lupo e buon proseguimento!

  2. Ragazzi che classe… Noi l’avremmo pappata a cucchiate senza ritegno. Carissima, sei un genio! Siamo felici che ti sia piaciuta: e ora ci devi proprio andare in Sicilia. Ciau, bacio

  3. Grazia
    Grazie, sei molto carina :)
    Allora presto detto: acqua, pistacchi 40% e zucchero, cosi` dice l’etichetta. Io suggerirei di pelare dei pistacchi
    (qui ho suggerito come fare e di metterli direttamente con gli altri ingredienti nel frullatore, di zucchero pochino mi raccomando, deve essere appena dolce
    Direi che il matcha lo troverai sicuramente :)
    Se provi la ricetta poi fammi sapere.
    un bacio.

    Maricler
    mi fai arrossire e poi sai e` molto buona anche a cucchiaiate: visto che Grazia mi ha chiesto gli ingredienti non mi sono limitata a leggere il vasetto…

  4. Ciao Grazie, a Torino c’è un negozio di alimentari giapponese YUZU-YA, Via Santa Giulia 32, Tel : 333-3843311,
    Aperto Martedi~Sabato 10:30 – 19:30 (orario continuato)
    ma chiama prima perchè non si sa mai, è una vetrina molto piccola che non salta all’occhio. tra l’altro quella zona a me piace tantissimo, se sei fortunata trovi anche il mercato.
    In questo negozio trovi tutto, anche il matcha. Quanto mi manca Torino! ciao comidademama

    ah, kja, ti ho postato le tartine di caprino
    Scappo a pranzo con il my wise! Ciaoooo

  5. Dimenticavo, anche davanti a Grom c’è un negozio,, di quelli fin troppo alla moda, di decorazione di interni. hanno tutto per la cerimonia del tè giapponese, e hanno non solo gli oggetti ma anche té giapponesi e anche il matcha, ma non ricordo la via

  6. Ma che meraviglia…Immagino il sapore…Adoro i pistacchi e la terra da cui provengono è ricca e sensuale, come lo è mangiare d’altronde. Io in Sicilia non ho fatto altro che stupirmi, riempirmi gli occhi di bellezza e la bocca di sapori!
    E che bello il locale di Parigi…Quasi quasi vengo!

  7. Grazie Comidademama!!!
    Per non invadere i post di Kja faccio un salto sul tuo sito…

    Kja, ieri sera niente gamberi…ho fatto troppo tardi in ufficio! Ma non mi perdo d’animo…proverò stasera, così intanto passo anche nei negozi suggeriti da Comida..

    ciao :)

  8. Matteo
    Grazie! :)

    Comida
    Ho visto, bellissime! Sono onorata di essere nei tuoi post :)

    Serena
    Chez miki e` davvero un posto carino, sento che ti piacerebbe.
    I miei ricordi della Sicilia stanno un pochino sbiadendo, sono stata ormai 5 anni fa per una vacanza. Quello che non dimentico sono gli immensi cespugli di rosmarino, ribelli sopravvissuti ad un incendio nella riserva delo zingaro: un luogo in cui il colore del cielo e del mare sono cosi` belli che fanno male.

    Grazia
    Nessuna invasione, figurati. Comida e` sempre fonte di informazioni interessanti :)

    le francbuveur
    Grazie, merito della crema di pistacchi

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *