Patate alla curcuma

Un paio di giorni fa, domenica per l’esattezza, stavo cucinando le patate che vedete nella foto. Ero intenta a eseguirle nel modo migliore, direte va beh, ma sono patate, si però prevedono tanti passaggi e se ci si dimentica di seguirli religiosamente, non vengono così buone. In ogni caso mentre annusavo spezie una musica allegra e ritmata proveniente dall’esterno ha attirato la mia attenzione. Guardando dalla finestra pero` non si vedeva ancora nulla.
Eppure la vivace melodia si stava avvicinando. Allora ho fermato l’operazione patate, e sono scesa di corsa. Mi ha accolto una manifestazione di donne abbigliate con candidi abiti, ricamati secondo il costume tipico di Bahia, alcune racavano mazzi di fiori di varie dimensioni in mano, tutte ballavano al ritmo dei tamburi che scandivano il tempo. Sono seguiti ballerini e ballerine in costumi colorati e un paio di carri con musicisti. Mi domando ancora che cosa stessero festeggiando nello specifico, comunque e` stato cosi` inaspettatamente bello che poi è uscito il sole.


Alu turrcarri
vegetariano

patate 500 g
ghee o burro 25 g
curcuma 1 cucchiaino
sale ½ cucchiaino
cumino tritato 1 cucchiaio
scalogno tritato 1 cucchiaino
pepe nero appena macinato
prezzemolo 3 cucchiai
peperoncino mezzo cucchiaino

Lavate e asciugate le patate e il prezzemolo. Tritate il prezzemolo e lo scalogno e teneteli da parte. Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti. Scaldate il ghee, aggiungete un pizzico di curcuma e le patate a cubetti. Fate cuocere per 8 minuti, girando continuamente con un cucchiaio di legno. Unite il cumino e cuocete a fuoco dolce per un minuto. Aggiungete 6 cucchiai di acqua, il sale e a fuoco moderato fate asciugare tutta l’acqua. Aromatizzate con la curcuma che resta, e cuocete ancora per ½ minuto a calore ridotto. Unite a questo punto un’abbondante macinata di pepe nero , 2 cucchiai di prezzemolo, il peperoncino e lo scalogno tritato. Mescolate e aggiungete 2 dl di acqua. Portate a bollore, quindi riducete il calore e continuate a cuocere fino a quando le patate sono tenere. Riducete il calore al minimo, e coprite con il coperchio. Continuate la cottura per 5 minuti. Le patate sono pronte, servite a piacere con germogli e un’insalata di spinaci.


Le donne

I ballerini


I tamburi


Il pubblico

Condividi:


12 commenti a “Patate alla curcuma

  1. Il bello di essere a Parigi, prepari delle patate (fantastiche ) e ad un tratto scendi per strada e sei catapultata in un’altra dimensione…come ti invidio!!!

  2. Pensa che persino nella dormiente provincia dove vivo io, quando d’estate capita qualche ballerino di capoeira si forma sempre un bel pienone … oltre che meravigliosi da osservare, quei corpi danzanti hanno un non so che di ipnotico, non trovi?
    Bellissime foto.
    Marika

  3. I colori della tua ricetta in un certo senso rispecchiano anche l’atmosfera in strada! Ottimo piatto e belle impressioni caraibiche-parigine :-) Ciao, Alex

  4. Sempre in giro sei?Che invidia
    Bellissima le foto con questo bel fondino rosa e il giallo acceso delle patate!
    La ricetta e la presentazione mi sembrano molto invitanti.

  5. che belle queste donne e questi ballerini, sarei proprio curiosa di sapere che tipo di festa fosse. Queste patate sono super, le avevo già vista sul blog di cucina indiana. Un bel mix internazionale la ricetta con i balli OLE’ 😉

  6. Ciao Cara,
    …sono proprio ciorba io o non ho mai capito che vivessi a Parigi?…questa ricettina con le patate mi piace davvero molto…spero di avere modo di provarla al più presto!

    Ma te l’avevo scritto che in cucina ero proprio negata?
    gosh

  7. …non è che per caso avresti da consigliarmi qualche buon ristorante indiano a londra??sarò là ad ottobre e dovendo scegliere tra le tante proposte mi piacerebbe sceglierne uno magari già conosciuto provato ed..approvato!
    grazie
    c

  8. Ciao Kja, le tue ricette sono sempre il top, mi scuserai se prenderò spunto da qualche tua idea; se lo farò citerò sempre la fonte (la tua)!
    Complimenti Complimenti Complimenti Complimenti Complimenti Complimenti Complimenti Complimenti Complimenti Complimenti
    Francesco

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *