Pomodorini gratinati



Interrompo il flusso di post newyorchesi e vi lascio un finger food per il finesettimana. Questi pomodorini sono relativamente veloci da fare: la parte peggiore consiste nel privarli dell’acqua di vegetazione; ma una volta pronti sono deliziosi sia caldi che freddi, serviti durante una cena estiva in giardino. Con un cus-cus freddo, per vedere il quale dovrete aspettare qualche giorno, e una cucchiaiata di hummusio ho risolto la cena.
Ingredienti

pomodorini 800 g
pangrattato 150 g
acciughe 3
capperi sotto sale un cucchiaio
aglio uno spicchio
cipolla una
prezzemolo e basilico un mazzetto
vino bianco un bicchiere
olio 4 cucchiai

Lavate e asciugate i pomodorini. Tagliateli in due e svuotateli dell’acqua di vegetazione. Mettete un cucchiaio di olio in una padella e fate saltare il pangrattato per circa due minuti. Mettetelo in una ciotola. Tritate aglio, cipolla, capperi ed erbe. Mettete il restante olio nella pentola e aggiungete il trito. Bagnate con il vino e lasciatelo evaporare. Quando si forma una sorta di pasta toglietela dal fuoco e mescolatela con il pangrattato. Farcite i pomodorini e poneteli in forno a 180 gradi per 15 minuti.

Courtesy of Much the cow

Condividi:


5 commenti a “Pomodorini gratinati

  1. che belli!
    stasera provo a farli!
    adesso mi stampo la ricetta e vado a comprare il tutto!
    buona giornata, bacio!

  2. Adoro tutta la verdura gratinata! Ma non ho mai pensato a fare i pomodirini di queste dimensioni. Uno tira l’altro, scommetto! Buon weekend. Un abbraccio

  3. anche questi, li adoro! mamma li fa sempre! sono buonissimi!
    E che dire del post su quel localino a New York!!!
    Meravigliooooooosooooooooooooo!
    un bacio

  4. Lus
    Li hai fatti poi? Io nel fine settimana per varie ragioni ne ho fatti 3 kg! Ma non sono avanzati :)

    Alex
    Per me invece le verdure gratinate sono una passione recente e sempre in versione mignon

    Dolcetto
    Allora puoi provare la ricetta che ho proposto quanto prima 😉

    Lizzy
    grazie sei un’iniezione di belle parole :)

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *