Chutney di mango

Il Chutney è è una conserva costituita da frutta o verdura cotte in una base di aceto e zucchero, quindi agrodolce, in cui l’ingrediente principale viene esaltato con la giusta miscela di spezie. Accanto appunto al classico mango si trova ad esempio il chutney alla carota, al rabarbaro o all’ananas, ma possono esserci anche dei chutney che accostano due ingredienti ad esempio pomodoro rosso e verde.

Chutney di mango

mango 1 (peso lordo 500-550 g)
uvette 3 cucchiai
aceto di mele 120 g
zucchero 120 g
scalogno 1 tritato
zenzero fresco ½ cucchiaino
cumino ½ cucchiaino
curcuma ½ cucchiaino
cardamomo 4 bacche
semi di senape 1 cucchiaino
aglio mezzo spicchio tritato
peperoncino ½ cucchiaino
cannella un pezzo di stecca di 5 cm circa

Sbucciate il mango e tagliatelo a pezzettini,non eccessivamente piccoli. Per un suggerimento per sbucciare il mango in modo agevole andate al post sul mango lassi
Mettete il mango in una ciotola e copritelo con lo zucchero, mescolate con un cucchiaio e coprite la ciotola con della pellicola per alimenti. Conservatelo in frigorifero per almeno due ore, volendo prolungate i tempi fino a 4 ore.
Preparate le spezie secondo il quantitativo indicato. Per quanto riguarda il cardamomo eliminate le capsule verdi e utilizzate solo i semini interni.
In una pentola mettete il mango con tutta l’acqua che avrà rilasciato, l’aceto e tutti gli altri ingredienti, senza dimenticarne nessuno. Portate a bollore, poi addolcite il fuoco al minimo e continuate a cuocere per un’ora circa, girando di tanto in tanto con il cucchiaio. I tempi possono variare in base all’intesita` del calore e alla quantita` di acqua rilasciata dal mango, e possono quindi arrivare anche ad un’ora e venti minuti.
Quando il liquido e` quasi completamente evaporato e ridotto ad uno sciroppo, spegnete il fuoco e mettete il mango chutney in un vasetto. Otterrete circa 400 g di mango chutney. Fatelo raffreddare completamente e conservatelo in frigorifero fino al momento di servire.

Condividi:


2 commenti a “Chutney di mango

  1. Ho provato a fare questo chutney un paio di volte, ottenendo ogni volta un “gusto” diverso nonostante la miscelatura di ingredienti fosse esattamente la stessa :)

    Comunque..ottimo in entrambi i casi e utilizzato come condimento alla carne, al pesce e sopra del riso pilaf.

    nei prossimi giorni proverò a preparare qualche altro chutney e vediamo che succede :)

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *