Limoni sotto sale


I limoni sotto sale sono un ingrediente tipico della cucina marocchina e vengono usati per insaporire tajine e zuppe. Al di la`di questo particolare tipo di cucina etnica i limoni cosi` trattati si possono usare in ogni ricetta salata che preveda l’uso della scorza, il sale ne conserva infatti intatto l’aroma. Esistono varie ricette per eseguirli, questa versione e` piuttosto veloce e consente di avere delle fette di limone pronte all’uso. Unica raccomandazione: i limoni devono essere di origine biologica.

limoni sotto sale

limoni biologici 3
sale fino 400 g

Lavate e asciugate accuratamente i limoni. Con l’aiuto di un coltello affilato tagliateli a fettine molto sottili. Poneteli quindi in un vaso alternadoli a strati di sale e premendo bene con un un cucchiaio. Conservateli in un luogo fresco.



Qqualche tempo fa ho ricevuto una mail in cui mi si chiedeva qualche ricetta per utilizzare i limoni sotto sale e ho pensato che potesse essere un tema interessante per riprendere.
Chi ha provato a farli, spero con limoni rigorosamente biologici, si sarà reso conto dell’aroma intenso e piacevole che hanno sviluppato grazie all’azione del sale.
Questa caratteristica li rende ideali per conferire una scia limoncina a molte preparazioni come il couscous, la cui ricetta si può declinare con verdure di stagione come ad esempio carote e daikon, un tipo di rapa giapponese, lievemente stufati. Un’altra possibilità consiste nel profumare il condimento come in questi spaghetti con rucola e gamberi in cui le fettine di limone tritate sostituiscono completamente il sale e donano al contempo una nota tangy che valorizza il sapore dolce dei gamberi. Restando in tema di pesce vi propongo un esperimento che ho fatto recentemente con un branzino selvaggio. Ho lavato sotto l’acqua corrente le fette di limone sotto sale necessarie per fare un letto al pesce squamato ed eviscerato. Nella pancia ho posto qualche grano di pepe rosa e poche foglioline di timo e sopra alla pelle altre fette di limone. Dopo la cottura a 210 gradi per un’ora (era un branzino da 1,4 kg!) le carni avevano assorbito l’aroma dell’agrume giallo e ne risultavano impreziosite; il sapore indimenticabile.
Spero di avervi offerto qualche spunto da cui partire, ma in generale se vi farete guidare dalla vostra fantasia e un pizzico di buon senso, non metteteli nel caffè ;), sono sicura che darete vita a degli ottimi accostamenti.

 

Condividi:


4 commenti a “Limoni sotto sale

  1. Ciao Chiara, ti scrivo per complimentarmi per il tuo blog e per le meravigliose ricette…
    volevo sapere come fai a fare delle foto così belle e che programma usi per le foto? grazie mille

  2. Pingback: Il Pranzo di Babette » Blog Archive » Insalata di pomodori

  3. Pingback: Il Pranzo di Babette » Blog Archive » Gari

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *