Gommasio

Gomasio

L’etimologia del nome dichiara tutti gli ingredienti necessari per creare questo condimento giapponese: goma significa sesamo mentre shio significa sale. Le proporzioni tra i due ingradienti possono variare da 5:1 fino a 15:1. Regolatevi in base ai vostri gusti ed esigenze, io ho scelto una felice via di mezzo 8:1. Per fare il gomasio sarebbe necessario suribachi, una ciotola dall’interno rigato e ruvido, ideale per ridurre in pasta e spezzettare, con il relativo pestello in legno surikogi. Se non li possedete, usate un mortaio comune, verrà comunque delizioso.

sesamo 8 cucchiai
fior di sale 1 cucchiaio

Fate tostare leggermente i semi di sesamo in forno, uniteli al sale nel suribachi e pestateli fino a quando diventeranno una polvere fine e amalgamata. Il gomasio si conserva in frigorifero una settimana ed è perfetto sparso sulle vellutate e sulle zuppe.


Condividi:


3 commenti a “Gommasio

  1. …perchè così poco tempo di conservazione? generalmente a me dura molto di più di una settimana e non lo metto in frigo…ciao.

  2. mi associo a oscar. perché così poco tempo di conservazione? né il sale né il sesamo sono alimenti “deperibili” in così poco tempo o hanno bisogno del frigo…

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *