Crème brulée al matcha


Ora che posseggo il cannello sono lanciatissima con le crème brulée, veramente non mi ferma nessuno. Forse sta venendo fuori la piromane che c’e` in me. E detto da una che non sa accendere i fiammiferi…
La crème brulée ha un sacco di caratteristiche positive:
-permette l’uso del cucchiaino, posata che io adoro
-si prepara tranquillamente in anticipo e si stocca in frigorifero, anche in grandi quantità
-fa scena nel momento in cui si fiammeggia con il cannello
-è multisensoriale come pochi altri dolci in quanto produce un meraviglioso suono nel momento in cui si rompe la crosticina con il cucchiaino, appunto.
Così dopo la crème brulée al cioccolato ecco la green-version, naturalmente al matcha. Buonissima, la panna, così ricca di sapore, si sublima con le note vegetali del matcha. 6 porzioni piccine o 4 grandi, a voi la scelta.

Crème brulée al matcha

tuorli 6
zucchero 80 g + 30
panna 5 dl
matcha 10 g

Scaldate la panna a 50 gradi circa, unite il the e mescolate con una frusta. Montate i tuorli con lo zucchero e versatevi sopra la panna. Mescolate bene. Versate la crema in ciotoline e ponetele in forno in una teglia a bagnomaria con acqua bollente e cuocete per 40 minuti a 160 gradi.
Estraetele dal forno e lasciatele raffreddare completamente. Prima di servire spolverate con lo zucchero e fate caramellare con il cannello o rimettendole sotto al grill del forno.


0
  
Condividi:


14 commenti a “Crème brulée al matcha

  1. Il cannello? ma vuoi mettere il sapore che da il disco di ferro arroventato?

    Oggi, giovedi 15 febbraio rispondo al tuo post del 16 febbraio, questa volta sono il primo!

    ciao Kja, a presto!

  2. quei fiori in feltro, sono spille? le hai comprate? le hai fatte tu? dove hai trovato il feltro?

    scusa, ma qnd mi parli di accessori, anche la cucina passa in secondo piano..!

  3. Ciao! anche a me a Natale hanno regalato il set per preparare la crème brulée, che per altro adoro… sicuramente proverò anche le tue varianti!
    Ha ragione Ape, le decorazioni in feltro di queste foto sono bellissime… :)
    ciao
    franci

  4. sì, tutte queste decorazioni di feltro sono molto belle, ma l ricetta! E’ favolosa Kja, tutta verde e golosissima. Io quel cannello lo devo avere! E’ difficile trovarlo? Complimenti, questa creme brulèe è super! Baci e buon finesettimana

  5. Sergiott
    miracoli della tecnologia, si viaggia nel tempo.
    No, io sono troppo innamorata del mio cannello :)

    Ape
    Il fiore verde e` una spilla, l’altro un elastico per capelli. Il primo era abbinato alla giacca di lana cotta che ho usato come tovaglia. E` un regalo, molto in stile ethic, no?
    L’elastico l’ho comprato in un banchetto credo di nepalesi in un mercatino. Ti capisco , sono anche io drogata di accessori :)

    Franci
    Uh ma allora questo Natale il cannello ha furoreggiato :) Allora buona crème brulée!

  6. Francesca
    grazie, si guarda la crema e1 veramente buona, il cannello penso che lo puoi trovare in un negozio di articoli da cucina un po’ rifornito
    Buon week-end anche a te

  7. qui si fa dell’ostruzionismo editoriale e si sabotano le scelte stilistiche mucchesi, le future collaborazoni editoriali caro compagno Berjia avverranno su basi contrattuali più uniformi agli standard bovini.
    Avrai notizie dal foro mucchese.

  8. oh sì molto Ethic…proprio qst pomeriggio sono passata davanti alla vetrina e mi sono riproposta di tornare domani con il portafogli pieno di lenticchie!

  9. A Napoli comprai anch’io una spilla ed un fermaglio uguali ai tuoi: mi piacciono molto.

    Questa crème brulèe è bellissima: il matcha si presta davvero a decine di sperimentazioni interessanti.
    Ma chi non possiede il cannello (né il disco di ferro arroventato) cos’altro può utilizzare? :-)

    [Ho postato finalmente la ricetta a base di caprino di cui ti avevo parlato]

  10. Pingback: Maionese al Matcha | Insieme a Tè - Il blog di Acilia

  11. Al di là del fatto che adoro il tuo sito e ogni passo che muovi tra i fornelli e non….
    Domani sera ho organizzato una cena per i miei amici e mi mancava giusto il mio immancabile tocco di tè. Non so come abbia potuto sfuggirmi questa ricetta, ma sono sicura che non può non fare la sua trionfale comparsa in tavola!

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>