Polenta taragna con crema di porcini e uova in camicia di lardo


Oggi titolo lungo e spero altisonante, visto che ieri Maricler mi ha fatto notare che non mi so vendere 😉
Comumque io adoro la polenta, ve lo devo dire. Solo che tradizionalmente in casa mia era legata a grandi brasati. Invece a me piace proprio lei, cosi` gialla e rassicurante nella sua presenza morbida ma soda. Così questo piatto è venuto fuori praticamente da solo, principalmente dalla voglia di polenta, che per una volta mi ha assalito a Lipomo dove ci sono non 1 ma 2 paioli elettrici. Si perchè c’è ancora qualcuno che ricorda una vacanza in Croazia con la sottoscritta che si lamentava dell’ assenza di venditori ambulanti di polenta; idem a Rio. Appena venuta via da Rio chiaramente desideravo il churrasco. E quando NON sono a Parigi ho voglia di ostriche.
Ma non sono capricciosa, solo golosa in versione random e, gastronomicamente parlando, instabile.


Polenta taragna

farina 500 g (mix di farina di mais e farina di grano saraceno)
olio un cucchiaino
sale una presa
acqua 3 litri circa

Portate l’acqua ad ebollizione nel paiolo elettrico con l’olio. Unite il sale, quindi la farina mescolando con la frusta per non creare grumi. Agganciate il “braccio che gira” (se qualcuno sa il suo nome vero me lo dica!) e cuocete per 90 minuti circa.

porcini 300 g
brodo di pollo 500 ml
scalogni 2
patata 1
panna 50 ml opzionale
burro 30 g
uova 4
aceto bianco
lardo 4 fette

Saltate gli scalogni tritati nel burro facendoli appassire bene senza bruciarli. Unite i porcini a pezzetti e il brodo bollente. Cuocete per 15-20 minuti in modo che i funghi siano morbidi. In un’altra pentola bollite la patata sbucciata e tagliata a pezzi. A questo punto frullate i funghi con la patata per ottenere una crema, tenendo da parte una dozzina di pezzetti di porcino per decorare. Tenetela in caldo. Volendo potete porla ancora sul fuoco e unire la panna. Io non l’ho fatto ed era comunque molto cremosa.
Portate ad ebollizione 500 ml di acqua a cui aggiungerete qualche cucchiaio di aceto bianco. Rompete un uovo in una ciotola e versatelo nella pentola; aiutandovi con un cucchiaio racchiudete l’albume intorno al tuorlo. Dopo 2 minuti scolatelo con un mestolo forato e avvolgetegli intorno una fettina di lardo.


Costruzione del piatto
Prendete un generoso mestolo di polenta e ponetelo nel piatto. Scavate una conchetta
con un cucchiaio. Versate la crema di funghi a lato e decorate con i pezzetti di fungo. Deponete delicatamente l’uovo in camicia di lardo nella conchetta. Spolverate con del prezzemolo tritato. Servite.


Condividi:


8 commenti a “Polenta taragna con crema di porcini e uova in camicia di lardo

  1. Bravissima i miei complimenti! Una ricetta così accattivante (e dal titolo così elegante…:PPP) per la polenta taragna non l’avevo ancora trovata! E per la dicitura esatta del “braccio che gira”, io non la conosco, però ti sconsiglierei scene di Daitarnesca memoria con nomi tipo “braccio rotanteeeee” o “potenza del braccio vieni a meee”…Buongiorno!

  2. Buuuuuuna la pulenta!!!
    Ehhh si’ il susci e’ buono, pero’ la pulenta… tutta un’altra roba insomma.
    Ma perche’ la chiami taragna? La polenta taragna e’ quella dove si “tara” dentro il formaggio con l’apposito “tarello”. Non dirmi che la chiami taragna perche’ ci metti la farina nera (solo i bergamaschi la fanno tutta gialla)! Questo e’ un errore gravissimo da non commettere.

  3. Maricler
    Daitarn!Daitarn!Daitarn!
    😀

    Caspani
    In effetti hai ragione, mi sono espressa impropriamente. La vera polenta taragna e` quella con il formaggio ma sono caduta in errore riferendomi appunto alla farina mista di mais e grano saraceno.
    L’olio si mette per evitare la formazione di grumi e personalmente non la trovo una cosa cosi` esotica.

  4. fai piatti sempre paticolari.. quell’uovo che si apre mi fa venire una fame!!

    PS

    lo sai che non funzionano i collegamenti ai tuoi archivi tematici?

    ciao

  5. Adoro la polenta in tutte le sue forme ma la taragna occupa un posticino speciale nel mio cuore perchè mi ricorda l’infanzia trascorsa a colico…
    immagino ottimo anche l’abbinamento… bravissima!
    ciao
    franci

  6. Tulip
    grazie :*
    E lo so, sono ancora in fase di organizzazione. Sono troppo pigra a fare queste cose.

    Franci
    Anche per me la polenta e` un piatto che associo molto alla mia infanzia. Per questo anche ora mi piace mangiarla, mi rassicura molto :)

  7. Ciao!
    I miei complimenti per l’accostamento di sapori…ma la vera polenta TARAGNA è fatta con un mix di formaggi e burro

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *