Lipomo Maki


Non è uno scherzo, è la mia risposta ai California maki. Non si era capito?!
Comunque questi nippo-lipomesi sono scaturiti da un avanzo di tonno, e il mio essere inciampata nella polenta a cottura rapida che si prestava perfettamente ai miei scopi. Divertente. L’espressione dei commensali intendo. E scommetto anche la vostra se potessi vederla ;)polenta a cottura rapida 200 g
aceto di mele 3 cucchiai
zucchero 2 cucchiaio
tonno 150 g
piselli surgelati 100 g
alga nori 2 fogli
salsa di soya 1 dl
wasabi una punta

Premessa

Il tonno nel mio caso era stato scottato sulla griglia la sera prima e poi avanzato, poverino. A quel punto era stato prontamente trasferito in un piatto con salsa di soya e una punta di wasabi sciolto. Per fare i maki ho prelevato il tonno dalla marinata, l’ho sgocciolato e l’ho tagliato a bastoncini.

Cuocete i piselli in acqua bollente salata per 8 minuti, poi scolateli e raffreddateli sotto l’acqua fredda. Preparate la polenta a cottura rapida seguendo le istruzioni sulla scatola e aggiungete all’acqua due cucchiai di aceto di mele e uno di zucchero. Portatela a cottura mescolando fino a quando diventa densa, qunado è pronta aggiungete i piselli e lasciate intiepidire dopo aver mescolato.
Dividete ciascun foglio di nori a metà poi sovrapponete le due parti; la polenta non si comporta come il riso, meglio rinforzare. Spalmate la polenta con un cucchiaio inumidito in una soluzione di acqua e aceto, mettete al centro il tonno e poi con abile mossa arrotolate e chiudete strettamente appiccicando la nori contro la polenta appiccicosa. Ripetete con il secondo doppio foglio. Lasciate raffreddare del tutto, poi tagliate i maki con un coltello inumidito nella soluzione di acqua e aceto di prima.

Per una presentazione scenografica servite su un coltello da polenta.


Per una presentazione senza veli sbucciate i maki della nori e riveleranno tutto il loro giallore


Condividi:


11 commenti a “Lipomo Maki

  1. intelligente! mi piace l’idea di questo sushi della bassa :-)
    proverò i maki sbucciati con ripieno di funghi o formaggio
    scusa l’ignoranza ma dove si trova lipomo?

  2. Ciao Lobelia, bella idea! vedi io non avevo pensato di adattare anche il ripieno al contesto padano. Lipomo è un paese in provincia di Como; non sul lago però.

  3. che fantasia! anche con l’aggiunta del commento di lobelia. Mi piace proprio questi maki della tua zona, e la versione senza veli molto osè;) un bacio

  4. Francesca
    ciao, si infatti la prossima volta provo con il ripieno di lobelia anche io. osè riferito alla polenta mi fa morire dal ridere :DDDD

    Pimms
    Ti ricordi che li sbuccia! Si, è stata la prima cosa che ha fatto :)

    Alice
    grazie, sei dolcissima davvero. è una fase creativa in effetti.

  5. Bella l’idea. Mi sono sbizzarrito anche io, in passato.
    Ecco il Sushi-no, stavolta non scritta sul mio blog, ma sua una rubrica di un altro forum.

  6. é una delle idee più originali che ho visto ultimamente.Mi piace il sushi ma un po’sta stufando;questa mi sembra una valida contaminazione di sapori e culture(qualcuno la chiamerebbe “fusion” o Sushi mediterraneo.)Non vedo l’ora di provare e stupire la mia cara sorella che con la sua mania del sushi me l’ha un po’…fatto a fette!!
    Ah, domanda tecnica:come hai fatto a mettere lo sfondo di piastrelle sul tuo blog…come si fa’…help.
    Grazie

  7. Pingback: Finger food e antipasti | Il Pranzo di Babette | est 2005

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *