Spaghetti alle vongole con pomodorini alla bottarga


Sembra cher le vacanze siano finite, almeno per me. Ho ancora delle foto di Rio De Janeiro da mostravi, in particolare del giardino botanico ma prima vi propongo una variante dei classici spaghetti alle vongole, nata dalla voglia di usare il mio wok, che è venuto in villeggiatura con me naturalmente, e di esplorare il sapore della bottarga di muggine, un altro dei prodotti San Lorenzo che mi è arrivato qualche tempo fa. Amo il mio wok, ma ultimamente lo stavo usando poco, quindi ho ben pensato di trasferire questa presenza ingombrante al mare, certa che lo avrei consumato dal tanto uso che ne avrei fatto. Per fortuna che ho fatto questi spaghetti almeno una volta.vongole 1 kg
pomodorini ciliegia 600 g
bottarga di muggine San Lorenzo gratuggiata 80 g
spaghetti 400 g
brodo vegetale 1,5 l
olio extravergine 4 cucchiai
vino bianco un bicchiere circa
aglio
prezzemolo tritato due cucchiai

Sbollentate velocemente i pomodorini in acqua bollente, quindi pelateli e conservateli in uno scolapasta in modo che perdano un po’ di acqua. Nel wok fate scaldare l’olio con uno spicchio d’aglio schiacciato, quindi unite le vongole e bagnatele con il vino bianco. Alzate il fuoco e lasciate sfumare il vino completamente. Quando le vongole si saranno aperte prelevatele dal wok, e tenetele in caldo. Cuocete gli spaghetti per due minuti in acqua bollente salata, quindi trasferiteli nel wok dove avrete portato ad ebollizione l’acqua delle vongole con un paio di mestoli di brodo. Portate gli spaghetti a cottura girandoli regolarmente e aggiungendo altro brodo bollente se necessario, regolarte di sale. Quando gli spaghetti sono quasi pronti rimettete le vongole nel wok. Passate i pomodorini in un piatto pieno di bottarga gratuggiata, e uniteli agli spaghetti. Spolverate con prezzemolo tritato e rifinite con un filo di olio a piacere. Servite.


Condividi:


15 commenti a “Spaghetti alle vongole con pomodorini alla bottarga

  1. bellissimi! amo, nell’ordine: gli spaghetti, la bottarga, le vongole ed i pomodorini. il prezzemolo no, ma posso fare un’eccezione…
    (e poi la pasta “risottata” mi piace da morire, ecco.)

  2. Gaia: ciao bellezza! No adesso per un po’ mi limito tra le lombardissime località di Lipomo e Milano!

    Pimms: la pasta risottata piace tantissimo anche a me, anche semplice con il pomodoro fresco e basta, ma credo che in teoria si possa fare quasi con tutto, basta tener conto dei diversi tempi di cottura degli ingredienti! Il prezzemolo lo puoi tranquillamente sostituire con foglie di basilico, almeno per smorzare livemente la bottarga e dare una nota di verde ai colori del piatto.

  3. Ciao Kja…..grandiosa questa spaghettata, direi quasi libidinosa…. :-)
    non avevo mai pensato di aggiungere un po’ di bottarga alla pasta con le vongole….la sperimenterò al più presto
    a presto
    bEtti 😉

  4. Queste fotografie sono in grado di stimolare le papille gustative persino a quest’ora della notte: bellissime :-)
    Ottima ricetta e gustosissime le vongole, mi piacciono molto. Come immaginerai, qui in Puglia si ha la fortuna di poterle mangiare spesso.

    Le vacanze sono finite anche per me, ma l’idea di trascorrere un nuovo anno in compagnia delle tue straordinarie ricette e piacevolissimi pensieri mi conforta.

  5. Una versione davvero invitante… e da provare subito.
    Io preferisco far cuocere la pasta in modo tradizionale, ma il binomio vongole/bottarga mi sembra notevole.
    Ben tornata,ci sei mancata con le tue poetiche visioni culinarie. Glò

  6. Caspita che esplosione di sapori! Sentore mediterraneo… nostalgia dopo le vacanze!? Con le ricette di mare vai sempre forte! Ciao

  7. mmmmmmmmh che buone, mi ricordo che nel residence li a gabicce tutti appena hanno sentito il profumo si sono messi a occupare la stradina di fronte al bungalow invocando un piatto di pasta anche per loro, poveretto mi ricordo ancora i tenerosi e cuccioloni occhi “del vicini” che voleva a tutti i costi assaggiarla e che sperava che tu rinunciassi al tuo piatto per darlo a lui…belle vacanze lì a gabicce a mare

    “[…]era la gabicce a mare di quando eravamo molto giovani e molto poveri”(cit.)

  8. Francesca: bisogna godeserla tutta l’estate, prima che scivoli via!

    Rosso Fragola: grazie cara!

    Tulip:purtroppo e` gia` finita, ma la prossima volta ti aspetto 😉

    Pimms: per me non lo e` affatto, anzi di recente ho visto addirittura qualcuno degustare con grande goduria del baccala` con il pesto alla genovese e mi sono lasciata tentare nell’assaggio: buonissimo.

    Cat: ciao, grazie.

    Alice e il vino: in effetti sono piaciuti molto, ma tu sei sempre carina con me. Se li fai poi consigliami un vino che lo metto nel post!

    Acilia: le tue riflessioni hanno un velo di malinconia… Sara` la fine delle vacanze forse? Beata te, la Puglia mi attira tantissimo, ci sono stata solo da bambina e non ho dei ricordi vivi purtroppo, ma un giorno ci vengo a fare un po` di immersioni e vedere tanti pesciolini.
    Ma la notte invece di far sognare le papille gustative, perche` non sogni tu? Un bacio.

    Gloricetta: “poetiche visioni culinarie” wow! Sei dolcissima ad usare questa espressione, non la dimentichero` facilmente.

    Mattop: in effetti provo nostalgia… Ma per l’oceano in questo momento! Lo so che con le ricette di mare con te vado sul sicuro 😉

  9. Much the cow: mi ricordo quelle vacanze nel “Gabicce mare hotels-tranquillo- confortevole- 50 m dal mare”, con romantica nostalgia: il Vicini le provava tutte per strappare un piatto di qualunque cosa dalla nostra cucina, forse anche colpa della sciura Vicini che si ostina a fare la cazoela con la polenta anche a ad agosto. Dice che e` un piatto unico. Ma a me Gabicce mare piace non solo per quella lingua selvaggia di sabbia che sembra quasi Copacabana ma per la gente rilassata in piazzetta con le macchine lustre il sabato pomeriggio davanti alla coop . E quel clima di festa verso le sei, un piccolo carnevale quasi, con tutti travestiti da Truzzi o Tabbozzi. Compreso il Vicini e la sua sciura: i piu` belli di tutti.

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *