Spinaciosità: vellutata di spinaci e wasabi


Ero una bambina paffuta e onnivora: alla mensa dell’asilo i miei compagni ammonticchiavano nel mio piatto tutti gli alimenti sgraditi e nello specifico le onnipresenti verdure. Io gioivo silenziosamente di queste collinette colorate che si formavano nel mio piatto: sedimenti di carota, cavolfiori troppo cotti, piselli dalla pelle coriacea, ma ciò che davvero mi entusiasmava erano gli spinaci. Io, che a casa non mi facevo riempire i panini con il prosciutto e nemmeno con la nutella, per carità, ma con le verdi foglie scottate, strizzate e condite con una lacrima di olio, avevo per mito Braccio di Ferro, l’unico che pareva veramente aver compreso la divina bontà che alberga in questa verdura che continuo ad amare. Talvolta l’ adorato fogliame si presenta in grande quantità nella mia cucina, tanto che il plurale “spinaci” non è sufficiente a descrivere questo tripudio verde e il nome si collettivizza e diventa più propriamente spinaciosità.
Ingredienti per 2 persone: 500 g di spinaci, una cipolla, 2 gambi di sedano, erbe aromatiche, 2 patate, tre quarti di un litro di brodo preparato con il bonito dashi, curry, wasabi, salsa di soia.
Fate soffriggere in poco olio la cipolla e il sedano tritati grossolanamente, anche le foglie mi raccomando perchè hanno un sacco di sali minerali, poi quando si sono appassiti aggiungete le patate a dadini. Quando hanno preso colore aggiungete qualche mestolo di brodo in modo che le patate siano appena coperte e portatele a cottura. Aggiungete la spinaciosità, ancora qualche mestolo di brodo e coprite con un coperchio; dopo tre- quattro minuti frullate con le erbe aromatiche e scodellate la vellutata. Guarnite con wasabi, curry e salsa di soia a piacere.
Condividi:


7 commenti a “Spinaciosità: vellutata di spinaci e wasabi

  1. ottima inaugurazione del tagliouvino;) questa vellutata è proprio verde verde! io non so cosa siano dashi e wasabi ma il resto mi piace tutto!

  2. Dimmi come hanno fatto i tuoi genitori a farti amare le verdure! La mia è una lotta che mi sta sfinendo!

  3. Fra: la vellutata é verde verde perché gli spinaci li scotto appena, il bonito dashi é una polvere giapponese che sostituisce il nostro dado, ma in assenza di questo puoi usare un brodo di carne o vegetale, o semplicemente di dado! Il wasabi invece è quella pasta verde brillante piccantissima che ti servono insieme al sushi e che puoi comprare in un supermercato che tenga qualche prodotto etnico… Occhio a scioglierla bene nella zuppa perché é decisamente più piccante del peperoncino in media.
    Graziella: non lo so! La mia era un’ inclinazione naturale, mio fratello ad esempio ha cominciato ad introdurre qualche verdura nella sua alimentazione solo da un paio d’anni e cmq ha già 18!

  4. Non dar retta a Gaietta, è un verde bellissimo sembra uno smeraldo, altro che cryptonite :-)
    Remy

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *